CAMPIONATO TAROCCATO: C'E' QUALCOSA CHE RICORDA IL 'CALCIOPOLI' DI CASERTA
Data: Domenica, 14 maggio @ 10:18:24 CEST
Argomento: Sport




(di Prospero Cecere) - Caserta. Calciopoli, c’è qualcosa che ricorda Caserta degli anni Settanta. Quello che sta accadendo oggi in Italia ed ai club di serie A ha fatto ricordare ai tifosi casertani ciò che accadde alla Casertana nel campionati 1968/69. Fu un triste momento perché qualche calciatore che all’epoca dei fatti giocava nel club rosso blu , per la memoria Selmo e Tacchi, instaurò una trattativa con alcuni dirigenti del Taranto squadra pugliese che aveva interesse come la Casertana di vincere il campionato . Fu allora che Selmo e i dirigenti trovarono una intesa . La Casertana di Don Peppe Moccia e di Don Luigi Cuccaro con insieme al fratello Alfonso che contanti sacrifici avevano vinto il campionato di serie C battendo quel Taranto, si videro sfumare quella tanto ambita promozione non sapendo che la partita era stata già venduta da Selmo ed altri giocatori . La Federazione e la Lega con la giustizia sportiva scoprì il fatto perché ci fu “ un pentito “ che informò i dirigenti degli organi istituzionali sportivi che il 3 settembre 1969 nella sede della lega i giudici sportivi decretarono per la Casertana e per il Taranto la retrocessione d’Ufficio alla serie C per illecito sportivo . Il 5 settembre 1969 scoppiò una vera e propria rivolta dei tifosi della Casertana che innalzarono barricate e affrontarono con un corpo a corpo anche “ i celerini “ della polizia che provenivano da Roma . Caserta venne distrutta in pochi giorni . Avevo nove anni quando scoppiò il caso Casertana e ricordo perfettamente cosa accadde agli Uffici Finanziari , ai magazzini , alla e strade che erano ridotte come un campo di battaglia, perché i casertani erano stati truffati . Ci fu un senso di orgoglio nei tifosi casertani che avevano seguito la squadra e individuarono all’epoca dei fatti nella Casertana un piacevole svago di passare un pomeriggio sportivo in tutta spensieratezza godendosi le azioni di Cominato Fazzi che poi è diventato casertano di adozione e Tacchi che incantavano i tifosi rossoblu. A Distanza di quasi quaranta anni un simile scandalo è accaduto di nuovo in Italia con i club del calibro di Juventus , Milan , Lazio e Fiorentina, ma fino ad ora tutti parlarono di retrocessione del Juventus, un processo mediatico che negli anni settanta non c’era stato perché non vi erano mass media come ci sono oggi . Il messaggio di oggi invece è solo una rivolta mediatica che sta avvenendo in Italia e può essere simile a quanto accaduto a Caserta negli anni settanta . Ieri c’erano i tifosi che alzavano barricate e distruggevano ferrovie oggi ci sono gli scommettitori , gli stessi che hanno già “ chiuso” con le scommesse a favore di club Italiani, confermando la non credibilità del calcio italiano. Soldi che non potranno giungere più a qualche personaggio del mondo del calcio che con il calcio scommesse aveva instaurato il nuovo business fruttando un giro di affari di quasi 10 milioni di euro.(14 maggio 2006)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=6218