nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
MARCIANISE, AGGUATO IN VIA DE SANTIS: BUTTONE FERMATO PER OMICIDIO DEL 1999


Marcianise (Caserta) - Per l'agguato avvenuto a Marcianise in via De Santis, nei pressi del ristorante Boccaccio dove nel 1999 fu ucciso un piccolo imprenditore (collaborava con il padre della sua compagna dalla quale aveva avuto due figli), la Squadra Mobile di Caserta - diretta da Olimpia Abbate - ha fermato, su disposizione della Dda, il pregiudicato Bruno Buttone, attuale reggente del clan camorristico dei Belforte (è cognato del boss) e Camillo Antonio Bellopede, 27 anni, pure di Marcianise. Il provvedimento, ricostruisce, le fasi dell’agguato che fu organizzato e pianificato dal Buttone per vendicare i suoi familiari, i Belforte appunto, dopo aver appreso che il Moretta aveva fatto parte del gruppo che, nel giugno ‘98, si era recato a Monza per tentare di uccidere Domenico Belforte. Le indagini che nell’immediatezza dei fatti diedero conto di legami tra la vittima e il gruppo Piccolo hanno confermato le dichiarazioni già rese da vari collaboratori di giustizia i quali, hanno tra l’altro sottolineato i collegamenti tra i marcianisani e il clan caivanese facente capo al boss Natale Salvatore. All’omicidio parteciparono con vari ruoli altri affiliati al clan Belforte che sono tuttora sottoposti ad indagini. Il Buttone era già detenuto dalla scorsa notte presso il carcere di Poggioreale dove era stato condotto da personale di questo ufficio in esecuzione di altro decreto di fermo emesso dalla Ddd perché responsabile, quale mandante, del tentato omicidio di Andrea Critelli avvenuto a San Nicola la Strada nel novembre del 2005. Nell'occasione fu ferito, non mortalmente, tale Enrico Giaquinto, amico del Critelli che rimaneva illeso poiché riusciva a fuggire. L’ agguato, come confermato anche da recenti dichiarazioni di collaboratori giustizia, fu disposto per punire il suddetto Critelli che aveva incendiato alcuni esercizi commerciali e spacciato stupefacenti in San Nicola senza rendere conto al gruppo Belforte e al suo referente in quel comune tale Pasquale Aveta, attualmente detenuto perché tratto arresto dagli agenti della squadra mobile nel corso dell’operazione “ Grande Fratello”. (3 luglio 2006)

 
· Inoltre Cultura
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cultura:
INCHIESTA PARMALAT: UN SOLO GIORNO DI CARCERE PER GAETANI

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it