nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
INCHIESTA PARMALAT: UN SOLO GIORNO DI CARCERE PER GAETANI


Il gip del tribunale di Napoli, Ettore Favara ha scarcerato oggi l'imprenditore Alfredo Gaetani, dirigente della Parmalat, arrestato ieri dopo una indagine della Dda di Napoli sull'imposizione dei marchi Cirio e Parmalat ai dettaglianti nelle province di Caserta e Napoli da parte di clan camorristici. Gaetani, assistito dall'avvocato Filippo Dinacci, è stato scarcerato poiché, secondo quanto si è appreso, il gip ha ritenuto che non sussistevano più le esigenze cautelari. Le accuse per Gaetani e per altri due funzionari arrestati, Antonio Affinita e Rosario Cristiano anche loro arrestati, è che hanno lavorato nella Cirio e successivamente nella Parmalat, sono di favoreggiamento aggravato, ai sensi della normativa antimafia, nei confronti di alcuni concessionari del gruppo Parmalat ritenuti legati al clan dei Casalesi e al clan Moccia. L'inchiesta, coordinata dal pm Francesco Curcio e dal procuratore nazionale aggiunto della Dda Lucio Di Pietro, aveva già portato nel marzo scorso a una serie di arresti di affiliati al clan dei Casalesi, attivo nel casertano, e al clan Moccia, attivo nell'entroterra a Nord di Napoli. Attraverso minacce e intimidazioni, utilizzando imprenditori complici o collusi, i clan camorristici erano riusciti ad imporre un regime di monopolio nella distribuzione del latte nel napoletano e nel casertano. I marchi imposti erano "Berna" e "Matese", appartenenti prima alla Cirio e poi, tramite le società Eurolat e Newlat, riconducibili alla Parmalat. I clan camorristici ottenevano mensilmente cospicue somme di denaro in cambio. Il versamento delle tangenti - secondo quanto emerso dalle indagini della Dda - era noto ad alcuni dirigenti dei gruppi Cirio e Parmalat che avevano ideato artifici contabili per mascherare le somme versate alla camorra.

 
· Inoltre Cultura
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cultura:
INCHIESTA PARMALAT: UN SOLO GIORNO DI CARCERE PER GAETANI

Punteggio medio: 4.5
Voti: 4


Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it