CASERTA, COMUNALI 2006: LA MUSSOLINI IN CITTA' CON MADDALONI E VENTRE
Data: Lunedì, 22 maggio @ 15:20:20 CEST
Argomento: Politica




Prima a bere un caffè insieme nel cuore della città stringendo, per strada, tante mani di simpatizzanti e semplici curiosi. E, poi, fianco a fianco in una conferenza stampa svoltasi all’Hotel Europa a cui hanno partecipato anche l’onorevole Nicola Cosentino e l’eurodeputato Riccardo Ventre. Il “ciclone” Mussolini si è abbattuto a Caserta per sostenere il candidato sindaco della Casa delle Libertà Paolino Maddaloni. E lo ha fatto con la grinta consueta e con le idee molto chiare inerenti le sue proposte per la nostra città capoluogo di provincia. “Anche a Caserta – ha detto la presidentessa nazionale di Azione Sociale – non faremo mancare il nostro appoggio dovuto sia dal fatto di essere ormai organici al centrodestra sia per la stima che nutriamo nei confronti di una persona perbene come il prefetto. Sono convinta, infatti, che la futura amministrazione potrà fare molto soprattutto per le donne che lavorano o che vengono poste ai margini della società, per i giovani che sono disorientati, per gli anziani lasciati al loro destino e per i bambini.”. Non potevano mancare le sfrecciatine al curaro all’indirizzo del governatore Sassolino che aveva criticato la scelta polista di candidare a sindaco il neo prefetto. “Come al solito – ha ribadito la nipote della Loren – la Sinistra usa due pesi e due misure: a Milano va benissimo che l’aspirante primo cittadino sia il prefetto Ferrante che si è schierato con loro; mentre qui a Caserta si critica la nomination di Maddaloni come se fosse qualcosa di scandaloso. Ma nonostante queste strumentalizzazioni, che lasciano il tempo che trovano, sono convinta che quando ritornerò nella vostra città il prefetto Maddaloni mi accoglierà indossando la fascia tricolore”. Dal canto suo il candidato sindaco della Casa delle Libertà, oltre a ringraziare per la gradita visita l’onorevole Mussolini, ha avuto modo di rimarcare i punti salienti della sua piattaforma politico-amministrativa: a cominciare dalla sicurezza urbana che considera la priorità tra le priorità della città. “Penso a una Caserta più tranquilla con un maggior numero di vigili urbani in strada soprattutto nelle ore serali – ha spiegato Maddaloni – a una Caserta dove le frazioni non si sentano corpi estranei, dove vi siano migliori servizi come i trasporti interni potenziati, i collegamenti tra le cinque, ma presto diventeranno sei, facoltà universitaria sparse sul territorio, dove ci sia maggior rispetto e più attenzione per gli anziani e per tutti coloro che vivono in particolari condizioni di disagio sociale e o familiare, dove si risolva la questione delle cave lasciata irrisolta da Alois, dove la tutela dell’ambiente non sia solo una mera concettualità astratta. Una città vivibile, quindi, con una amministrazione autorevole ma non autoritaria, pronta a dialogare con i cittadini, le associazioni e le altre istituzioni. Una città che sia un bel biglietto di visita per l’intera provincia di Terra di Lavoro”. (22 maggio 2006-15:20)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=6354