CASERTA, CENTRO SANT'AGOSTINO: MADDALONI (CDL) CHIARISCE LA QUESTIONE
Data: Giovedì, 18 maggio @ 19:52:05 CEST
Argomento: Politica




CASERTA- Sulle strumentalizzazioni inerenti la vicenda del Centro Sant’Agostino, il candidato sindaco della Casa delle Libertà dr Paolino Maddaloni, invia agli organi mediatici per opportuna conoscenza l’esatta cronologia del relativo progetto in itinere. Da suddetta cronologia appare del tutto evidente che né l’attuale prefetto Stasi (nella sua precedente funzione di Commissario prefettizio dell’ente Comune), né tantomeno il dottor Maddaloni ( nella sua ex funzione di sub- Commissario prefettizio) hanno svolto alcun ruolo in merito. A corredo di quanto affermato, il dottor Maddaloni tiene a precisare i dettagli dell’operazione che, in ogni caso, potrebbero essere modificati o integrati dalla futura amministrazione di concerto con il Consiglio Comunale. Cronologia progetto di riqualificazione e recupero funzionale dell’ex Cenobio S. Agostino L’appalto in oggetto è consistito nell’affidamento in locazione di 25 locali per una superfice complessiva di mq 766, 40 e del giardino, ubicati tutti nell’ala nord dell’ex Cenobio Sant’Agostino con contestuale riqualificazione e recupero funzionale. La gara, indetta il 14 07 2005, è stata aggiudicata il 28-10- 2005 alla Intercultura Srl di Caserta che ha formulato la seguente offerta: Canone di locazione annuo di euro 170 mila, importo complessivo dell’intervento di riqualificazione a completo carico del conduttore per euro 1.052.719, 12. Alla data della stipula risulta che: stipulato il contratto il 02- 11- 2005 il contratto di locazione con durata di 12 anni dall’ultimazione dei lavori di riqualificazione; approvato dalla soprintendenza per i Beni a e Architettonici e PPSAE di Caserta e Benevento con parere numero 6203 del 20-03- 2006 il progetto esecutivo predisposto dall’Interculturale; consegnata l’area ad oggetto dell’intervento ed avviata l’attività di riqualificazione. Sempre nella stipula del contratto si precisava che: a) i locali oggetto della locazione sono destinati ad attività ricreative, sociali, culturali, scolastiche, artigianali e commerciali, con l’obbligo da parte del conduttore di riservare almeno il 15% delle aree locate ad attività culturali e aggregative b) gli aspetti annonari sono pienamente ottemperati per quanto concerne le normative c) l’amministrazione comunale con la stipula del contratto non si è impegnata al rilascio di licenze commerciali d) l’impresa di costruzioni impegnata nei lavori è qualificata nella categoria OG2 e) le destinazioni d’uso sono state sancite con le deliberazione di G.C. numero 224 del 29 – 03- 2002 e numero 852 del 23- 12- 2003 f) nel dicembre 2005 la Confesercenti di Caserta ha inoltrato al Tar Campania un ricorso atto ad ottenere l’annullamento della procedura amministrativa in oggetto; nella prima udienza la stessa Confersercenti ha ritenuto opportuno ritirare la richiesta di sospensiva preferendo rinviare la decisione finale alla discussione del merito. (18 maggio 2006-19:50)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=6294