CANDIDATO PROPONE LICENZIAMENTO ADDETTO STAMPA COMUNE DI CASAGIOVE
Data: Domenica, 07 maggio @ 12:09:24 CEST
Argomento: Politica




Casagiove - Forse con un po' di ritardo, un consigliere comunale di Casagiove, candidato per l'Unione, Antonio Santoro, si sofferma su un argomento che forse poteva affrontare prima, quando ricopriva la carica di consigliere e quando è stato bandito il concorso per addetto stampa. Ecco il testo del comunicato:
"Confesso di essermi convertito anch’io sulla via di Arcore: come il buon Silvio Berlusconi anch’io propongo l’abolizione dell’ICI. Ho trovato un’idea molto semplice per finanziare la soppressione di tale imposta: licenziamo l’addetto stampa del sindaco di casagiove. Oltre al considerevole risparmio per l’ente eviteremo l’ingolfamento degli organi di stampa con amenità come quelle messe in giro a proposito della manifestazione di presentazione della lista del centrodestra, nascosta sotto il simbolo ancora una volta usurpato della colomba. A leggere l’ampollosa retorica da ventennio ci immaginiamo il cinema Vittoria trasformarsi in via dei Fori Imperiali con oceaniche adunanze di mussoliniana memoria. Non mancano spunti di filo americanismo di maniera con richiami a convention e standing ovation. Tremiamo al pensiero che il caro Melone cominci a parlare anche lui del “suo amico Bush” e proponga di inviare in Iraq il corpo dei vigili urbani. Comunque finché non si autodefinirà un unto del signore andrà ancora bene. Non manca il richiamo lirico alle “magnifiche sorti e progressive”, dischiuse per Casagiove dall’azione dei forzisti casagiovesi, ma abbiamo già avuto modo in più occasioni di dimostrare la inconsistenza di tali pretese."(7 maggio 2006-12:10) Confesso di essermi convertito anch’io sulla via di Arcore: come il buon Silvio Berlusconi anch’io propongo l’abolizione dell’ICI. Ho trovato un’idea molto semplice per finanziare la soppressione di tale imposta: licenziamo l’addetto stampa del sindaco di casagiove. Oltre al considerevole risparmio per l’ente eviteremo l’ingolfamento degli organi di stampa con amenità come quelle messe in giro a proposito della manifestazione di presentazione della lista del centrodestra, nascosta sotto il simbolo ancora una volta usurpato della colomba. A leggere l’ampollosa retorica da ventennio ci immaginiamo il cinema Vittoria trasformarsi in via dei Fori Imperiali con oceaniche adunanze di mussoliniana memoria. Non mancano spunti di filo americanismo di maniera con richiami a convention e standing ovation. Tremiamo al pensiero che il caro Melone cominci a parlare anche lui del “suo amico Bush” e proponga di inviare in Iraq il corpo dei vigili urbani. Comunque finché non si autodefinirà un unto del signore andrà ancora bene. Non manca il richiamo lirico alle “magnifiche sorti e progressive”, dischiuse per Casagiove dall’azione dei forzisti casagiovesi, ma abbiamo già avuto modo in più occasioni di dimostrare la inconsistenza di tali pretese.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=6104