CANCELLO ARNONE (CASERTA): UCCISA DAL CONVIVENTE. CADAVERE INTROVABILE
Data: Mercoledė, 28 settembre @ 21:03:58 CEST
Argomento: Cronaca




Carmen Polce, di 31 anni, la napoletana della quale non si avevano pių notizie dalla sera del 18 giugno scorso, sarebbe stata uccisa con un corpo contundente dal convivente, Michele Campanile, di 33 anni, che avrebbe poi occultato il cadavere. La lite - spiegano i carabinieri del Comando Provinciale di Caserta che hanno effettuato le indagini in collaborazione anche con i colleghi del Ris - sarebbe avvenuta nella camera da letto dell'abitazione occupata da circa un anno dai due, in via Toti a Cancello Arnone, in provincia di Caserta, e sarebbe scaturita dallo stato di tossicodipendenza dei due conviventi. Michele Campanile č stato arrestato, in base a un provvedimento emesso del gip del Tribunale di S. Maria Capua Vetere su richiesta del pm Maurizio Giordano,con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. La svolta delle indagini si č avuta a conclusione degli accertamenti tecnico scientifici, effettuati con sofisticate attrezzature su macchie di sangue e di capelli trovati dai carabinieri del Reparto Investigazioni Scientifiche di Roma sia nella camera da letto dell'appartamento nel quale abitavano la Polce e l'arrestato sia nel cofano della vettura del convivente. Tracce di sangue e capelli sono infatti risultati, dall'esame del Dna, appartenenti alla donna scomparsa. Secondo gli investigatori, dunque, Michele Campanile, nel corso del violento litigio, avvertito anche dai vicini di casa, avrebbe colpito ed ucciso la convivente con un corpo contundente e successivamente, dopo aver caricato il cadavere nel cofano della vettura, l'avrebbe nascosto in un luogo non ancora individuato dagli investigatori. Tracce di sangue, che inutilmente il presunto omicida avrebbe tentato di eliminare, sono state trovate anche sulle pareti e sul pavimento della stanza da letto dell'abitazione che, su provvedimento della magistratura samaritana era stato sequestrato le scorse settimane. Dopo tre mesi, in seguito a sopralluoghi che i carabinieri hanno effettuato con l'ausilio di cani poliziotto in una vasta zona compresa tra cancello Arnone e Mondragone, con il supporto del Nucleo Subacqueo nel fiume Volturno, da Cancello Arnone alla foce e dopo ricerche estese in tutta Italia, sarebbe stato risolto il caso della scomparsa di Carmen Polce, del quale si č anche occupata la trasmissione televisiva "Chi l'ha visto?". La mamma di Carmen Polce, Rosa, infermiera in un ospedale napoletano, il 21 settembre scorso aveva anche lanciato un appello attraverso il suo legale, l'avvocato Angelo Pisani: "Aiutatemi a ritrovare mia figlia - aveva scritto -. E' scomparsa da giugno e da allora non ho pių notizie". Secondo quanto si č appreso l'arrestato continua a negare di essere l'autore dell'omicidio, sostenendo che la donna, dalla quale ha avuto un figlio che oggi ha tre anni, si sia allontanata da casa dopo il violento litigio senza farvi pių ritorno. Carmen Polce, era separata dal marito e da qualche anno aveva lasciato Napoli e si era stabilita con il convivente a Cancello Arnone. Tra i due, che secondo gli investigatori facevano uso di sostanze stupefacenti, erano frequenti i litigi, come testimoniato anche dai vicini.(28 settembre 2005-21:00)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=4108