CASERTA, 'CASO' CAMERA COMMERCIO. VENTRE:'NO A INGERENZE POLITICHE SU NOMINE'
Data: Martedì, 13 settembre @ 15:06:11 CEST
Argomento:




Il prosieguo dello stato di incertezza che sta vivendo la Camera di Commercio di Caserta dovuto alla diversificazioni delle posizioni inerenti il futuro assetto gestionale dell’ente in questione, non depone bene per il futuro economico e imprenditoriale di Terra di Lavoro. Sulla questione è intervenuto l’onorevole Ricardo Ventre con un appello a tutte le forze imprenditoriali e produttive della provincia di Caserta per una auspicata unità, che non sia solo di facciata, ma che sia efficace a dare un nuovo impulso alle economia di Terra di Lavoro che sta vivendo una fase congiunturale non delle migliori. Secondo il parere del vice presidente della Commissione Affari Costituzionali del parlamento europeo:” è necessario che al rilancio dell’economia casertana prendano parte tutte le forze imprenditoriali e commerciali della Provincia nell’ambito di una vera sinergia a trecentosessanta gradi che costituisca un trampolino di lancio per un territorio che ha necessità di chiarezza e di interventi strutturati al potenziamento economico. Il mio appello, dunque, va in questa direzione consapevole come sono che solo una vera unità di intenti e una seria programmazione potrà essere utile a uscire fuori da una crisi senza precedenti finalizzata ad eleggere una giunta autorevole e unitaria. Sempre a parere del commissario provinciale di Forza Italia al processo di impulso economico non può non partecipare la classe politica casertana, senza distinzione alcuna tra centrodestra e centrosinistra a patto che emerga lo scopo unico di difesa, valorizzazione e potenziamento del territorio e delle comunità. “Come ebbi già modo di dire – spiega il presidente Ventre – la politica non può essere estranea all’economia. Questo, però, non significa che debbano esserci delle ingerenze sulla nomina dei vertici della Camera di Commercio che spettano alle associazioni di categoria. Piuttosto, sarebbe il caso di dare vita, congiuntamente, a un tavolo di confronto programmatico tra gli enti pubblici e le associazioni imprenditoriali per fare il punto della situazione e per individuare tutti gli accorgimenti utili alla ripresa economica di Terra di Lavoro. Quindi, associazioni economiche e partiti restino tra di loro autonomi ma si confrontino nell’interesse super partes degli abitanti della nostra provincia”.(13 settembre 2005 - 14:35)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=4032