RAPINE AI TIR CARICHI DI BIBITE: ARRESTI OPERAZIONE SUMMER DRINK
Data: Giovedì, 17 giugno @ 04:47:33 CEST
Argomento: Cronaca




La polizia stradale di Terni ha scoperto gli autori della rapina ai danni di un camionista avvenuta nel giugno dell' anno scorso nell' area di servizio di san Liberato, sulla Terni-Orte. Sono due italiani e due albanesi che già si trovavano in carcere per altre rapine analoghe. La banda operava soprattutto sulle E 45 ed è sospettata anche di altri colpi. Le quattro ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Gip del tribunale di Terni Augusto Fornaci su richiesta del sostituto procuratore Barbara Mazzullo dopo una lunga indagine. L'operazione, denominata "Summer drink", è stata illustrata questa mattina dal dirigente della polstrada di Terni Francesco Falciola nel corso di una conferenza stampa. L' attività investigativa era cominciata dopo la rapina avvenuta nella notte tra l'11 e il 12 giugno 2002 quando fu preso di mira un Tir parcheggiato nell'area di sosta di San Liberato, lungo il raccordo autostradale Terni-Orte. Il Tir era carico di bibite (da qui la denominazione dell'operazione) e i rapinatori, dopo aver narcotizzato e imbavagliato l'autista, si erano impadroniti del veicolo. Uno dei componenti la banda si era messo alla guida mentre altri, con due vetture, operavano come staffette. La polizia stradale di Terni, dopo accertamenti, riscontri e intercettazioni telefoniche, è riuscita ad individuare i presunti responsabili del colpo a San Liberato.Sono accusati di rapina aggravata e sequestro di persona. Si tratta di due albanesi, Azic Pero, di 26 anni e Blerim Bequiri, di 29, del presunto capo della banda Ugo Russo, di 37 anni, residente a Castel Volturno, e del suo braccio destro Carlo Maggio, di 45, anni residente ad Aversa. La banda, ha riferito il comandante Falciola, operava prevalentemente lungo la E 45 e, una volta individuato il Tir, i rapinatori provvedevano a tagliare il telone per vedere il contenuto della merce trasportata e stabilire, quindi, se era appetibile per il mercato illecito campano. I quattro erano già finiti in carcere ad Arezzo e Santa Maria Capua Vetere per altre rapine in varie località, sulle quali avevano indagato la polstrada di Bologna e quella di Caserta.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=2212