QUANDO IL SESSO FORTE E' DEBOLE:L'AVVOCATESSA CHE DIFENDE GLI UOMINI DALLE DONNE
Data: Mercoledì, 12 luglio @ 11:50:11 CEST
Argomento: Cittadini e Giustizia


Roma, 12 luglio 2017 (Casertasette – Telexnews) - Tanti casi di donne maltrattate ma anche molti casi silenziosi di uomini terrorizzati psicologicamente da ex mogli, compagne e partner. In Italia se ne parla ancora poco ma c’è un’associazione, Voce Uomo, che dà appunto voce a quegli uomini che sono deboli di fronte al vero sesso forte che sono le donne. «L'idea che anche gli uomini/ mariti/padri possano essere vittime di violenza dentro e fuori le mura domestiche  rappresenta, purtroppo,  ancora un tabù», spiega la presidente dell’associazione, avvocatessa Antonietta Montano che aggiunge: «in qualità di donna, avvocato e presidente nnazionale dell’associazione Voce Uomo, affronto quotidianamente, in collaborazione con validi professionisti, gli aspetti giuridici, psicologici, medici, nonché sociali di un fenomeno in netto aumento, ma  trattato  in maniera marginale e diffidente. La violenza è un male  devastante e totale,  non si possono fare distinzioni di  sesso. Il reiterato silenzio  sul punto e qualsiasi forma  di chiusura rispetto all’altra faccia della medaglia, andrebbero ad innescare la vera discriminazione di genere». E aggiunge: «Gli uomini  “vittime”  tendono  spesso ad isolarsi,  a   vivere i maltrattamenti subiti , in particolare psicologici, con senso di vergogna. Molti si demoralizzano, in quanto non si sentono  presi in considerazione ,  soprattutto nella aule di giustizia. Notevoli sono i fenomeni di depressione in cui versano uomini/mariti/padri separati o in procinto di separazione . A tal proposito , qualche giorno fa ho sentito il dovere in primis morale di catapultarmi in udienza, con il contributo  della collega Teresa Di Monaco, al fine di  sostenere  con forza un mio assistito e dar voce al  suo malessere. Un uomo a cui è stata tolta  ingiustamente e arbitrariamente ogni forma di dignità. Uomini, come il mio cliente, che  spesso vengono dipinti falsamente dalle mogli e ex mogli come gli orchi cattivi. Uomini oggetto di disgustosi ricatti a sfondo economico per mero rancore. Uomini minacciati costantemente di essere “ lasciati in mutande”. Uomini esclusi dalla vita dei figli, la cui volontà, che dovrebbe essere suprema,   non viene di frequente valorizzata ed accreditata». Per l’avvocatessa Montano «ogni figlio  ha il sacrosanto diritto di avere un rapporto qualitativo e quantitativo uguale con entrambi i genitori. Qualsiasi  separazione provoca inevitabilmente del dolore,  ma non sempre è insopportabile. Insopportabile  è la sua gestione distorta ed eccessivamente litigiosa. Ciò che  fa  atrocemente male è quando i coniugi dimenticano di essere   innanzitutto genitori . La separazione è la fine di un rapporto affettivo, ma genitori si resta PER SEMPRE. Per sempre l’altro genitore andrà rispettato , difeso e valorizzato agli occhi dei bambini. Parallelamente o conseguentemente  ad   un fenomeno separativo si incardinano molto abitualmente  tristi procedimenti penali . Condanno  l’uso  spesso strumentale che viene fatto delle denunce -querele , in particolare DA PARTE DELLE MOGLI O EX MOGLI CHE TENDONO AD UTILIZZARE I FIGLI COME ARMI DI RICATTO. Noi avvocati abbiamo il dovere morale e professionale di non assecondare determinate richieste , di non “buttare la benzina sul fuoco”,  onde evitare di peggiorare situazioni già fortemente delicate. L‘Avvocatura è una Missione !. Bisognerebbe avere il coraggio di  uscire ogni tanto  dal codice e tuffarsi nel cuore delle persone, ascoltando e consigliando anche ciò che può apparire scomodo per i nostri onorari….. ossia la  via della PACE. Intraprendere, anche gradatamente e con l’ausilio di altre figure professionali,   la strada della vera e concreta  tutela dell’interesse superiore dei minori e delle persone in generale» E poi conclude: «A seguito dell’udienza di cui sopra ho avvertito un piacevole senso di rassicurazione   in ordine al giusto equilibrio dei  giudicanti del nostro prestigioso foro. Purtroppo, il giorno successivo ho letto, con profonda delusione, un provvedimento fuori regione, totalmente cieco e sordo alla volontà conclamata di un minore di voler vivere prevalentemente con il suo papà. Auspico di assistere ad un cambiamento equilibrato,  diretto ad illuminare menti  e decisioni meno “mammiste” e “conservatrici”».  

                   Nell’Ottobre del 2015 si costituisce  in Campania, a Santa Maria Capua Vetere, l’Associazione Nazionale “Voce Uomo” ideata e presieduta dall'avvocatessa Antonietta Montano   L'associazione  in parola  ha finalità di solidarietà sociale, si rivolge  in generale all’intero nucleo familiare,  in particolare  agli  uomini che versano in una situazione di disagio dentro e fuori le mura domestiche ed ai padri separati e/o divorziati  o in procinto di separazione e/o divorzio in difficoltà,  al fine di perseguire i seguenti scopi: fornire orientamento  giuridico, morale ,  psicologico ; proporsi come luogo di incontro e di aggregazione spontanea ; porsi come punto di riferimento di attività culturali quali convegni, conferenze, dibattiti, seminari, attività di formazione, attività editoriale, pubblicazione di bollettini, pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi e delle ricerche compiute. Voce Uomo vuole essere una porta aperta per ascoltare e consigliare, accogliere e sostenere  uomini che possono trovarsi nelle più svariate difficoltà familiari, lavorative, legali.  L’obiettivo dell’Associazione è accogliere e tutelare l’uomo in quanto persona nella sua integrità perché possa riaffermarsi il suo diritto alla vita. Pensiamo in particolare alla crisi della famiglia, nonché  alla ricorrente   condizione di impoverimento morale e materiale  di moltissimi  uomini  e padri separati e/o divorziati. Sono loro la nuova piaga sociale!  Voce Uomo vuole così offrire il proprio contributo non solo al singolo individuo, uomo, che si trova oggi in una specifica difficoltà, ma al suo nucleo familiare e al suo contesto sociale per tutelarne i diritti, recuperarne e valorizzarne la funzione sociale ed educativa  Nelle situazioni legate alle problematiche familiari fondamentale è  il ruolo svolto da noi avvocati, chiamati alla tutela assoluta dei diritti dei bambini. I figli  hanno il sacrosanto diritto di avere un rapporto qualitativo e quantitativo uguale con entrambi i genitori. Ogni separazione provoca inevitabilmente del dolore,  ma il vero male insuperabile è quando i coniugi dimenticano di essere  in primis genitori . E’necessaria una campagna di prevenzione delle purtroppo  diffuse condotte  tese all’esclusione della figura genitoriale . A tal proposito,  Voce Uomo si propone, con l’ausilio di validi professionisti ,  di prevenire  i fenomeni di alienazione e/o disinvestimento affettivo. Voce uomo  mira all’ascolto ed al sostegno  dell’’intero nucleo familiare e delle coppie in stato di bisogno.

L’intervento nei casi di separazione e divorzio avrà come priorità assoluta la tutela e la salvaguardia dei minori attraverso il sostegno alla funzione genitoriale promuovendo  tutti gli strumenti esistenti perché la crisi e la transizione familiare possa avere un significato evolutivo per i membri che vi sono coinvolti anche attraverso un  orientamento legale,  psicologico, la mediazione familiare e  counseling familiare . Sono presenti sul territorio nazionale le seguenti sedi associative: Viareggio( sede nazionale) – Caserta ( in collaborazione con l’Osservatorio Giuridico Italiano) Firenze ( presso la sede dell associazione gli angeli della città ) e presto a Milano .Il 20 dicembre 2015 grazie all’immensa disponibilità di Sua Eccellenza Francesco Orazio Piazza del Vescovo di Sessa Aurunca in provincia di Caserta  è stato inaugurato lo sportello dell’Associazione presso il Consultorio Diocesano Giovanni Paolo II di Mondragone (CE) e dal  3 dicembre scorso  presso il Consultorio diocesano di sessa Aurunca  (CE) .

Siamo attualmente impegnati in un lavoro di  diffusione del registro della bigenitorialità per favorirne l’attivazione presso i comuni ( una sorta di doppio domicilio per i minori figli di genitori separati )  facendo tesoro delle esperienze maturate in altri contesti e apportarvi i correttivi necessari perchè il registro favorisca il superiore interesse del minore e non contribuisca ad inasprire l’oppositività tra i genitori.   campanianotizie assessorato regione vincenzo de luca giunta giunta web presidenza regionale beni culturali salerno consiglio politica assessore trasporti appaltopoli ente politica governo napoli

       

Follow Casertasette on Twitter







Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=21417