CASERTA, ECONOMIA: GAFI SUD, TERZO APPUNTAMENTO GAFIncontra (VIDEO)
Data: Lunedì, 19 dicembre @ 14:11:09 CET
Argomento: Economia


Guarda il video di Gafi Incontra a Caserta



CASERTA, DICEMBRE 2011 (Casertasette) - Terzo dei cinque appuntamenti, a Caserta, lo scorso 15 dicembre, di Gafi Incontra: Imprese, banche e confidi il tema trattato presso la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione nel monumentale Palazzo Reale di Caserta con gli interventi di Rosario Caputo, presidente Gafi Sud; Luciano Goffi, direttore generale Banca Popolare di Ancona, Vincenzo Napoleone, direttore territoriale Monte dei Paschi di Siena, Massimo Lo Cicero, docente di Economia Aziendale, Università La Sapienza, Roma, Pietro Raucci, presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta e Paolo Scudieri, amministratore delegato Adler Group. La fragilità del sistema economico-finanziario, e la prudenza che l’attuale momento richiede, porta gli istituti di credito ad essere sempre più esigenti e severi del concedere fidi alle imprese. I risultati di un’indagine sul Mezzogiorno, presentati recentemente da Confcommercio, evidenziano che il 26% delle imprese indica la difficoltà di accesso al credito tra gli ostacoli presentati oggi dal mercato. E’ solo l’ultima conferma dell’entità del problema che interessa in particolare il nostro territorio già in difficoltà, e i dati di Confindustria nell’ultima edizione del Check-Up Mezzogiorno, sono particolarmente negativi per le provincie campane e soprattutto per Caserta. “I Confidi come supplenza del sistema bancario – sottolinea Rosario Caputo, presidente del Gafi Sud – prestano una garanzia perché non dimenticano la loro origine mutualistica. In Campania, infatti, abbiamo realizzato da soli il 36% dei volumi ma il nostro obiettivo è nell’aggregazione dei confidi sul territorio e nella crescita dei volumi patrimoniali. Inoltre il Gafi, uno tra i più importanti confidi del Sud Italia, ha già raggiunto i requisiti patrimoniali richiesti per essere inserito tra i soggetti vigilati dalla Banca d’Italia.” La SVIMEZ ha invece richiamato l’attenzione sui gravissimi dati sull’occupazione al Mezzogiorno sottolineando che “nel Sud pur essendo presenti meno del 30% degli occupati italiani si concentra il 55% delle perdite di lavoro determinate dalla crisi”, e la situazione è particolarmente difficile per i giovani. Se disoccupazione e difficoltà di accesso al credito sono dunque le variabili più critiche di questa fase di recessione, è interessante scoprire un incremento del 13,9% degli impieghi bancari nella provincia di Caserta, a fronte di una media nazionale del 6,7%. Ciò può indicare un crescente ricorso al credito, ma anche una certa flessibilità delle realtà bancarie locali, rispetto alla media nazionale. Si tratta di un piccolo segnale di apertura, a partire dal quale instaurare un dialogo continuo tra banche e imprese, nell’ambito del quale i confidi sono chiamati a svolgere un ruolo importante. Soprattutto per proteggere e favorire quel tessuto di imprese sane ma fragili che rischiano di soffocare, e che invece, se rilanciate, potrebbero offrire un prodotto legato al territorio, destinate ad arricchire quel territorio stesso. La grave crisi, con le conseguenti ripercussioni sulle imprese, la crescita e le possibili forme di alleanze tra i principali attori presenti sul territorio, sono i temi al centro del dibattito del ciclo di incontri promossi dal Gafi Sud - uno dei maggiori confidi in Campania - in ciascuna delle provincie campane. “È innegabile – sottolinea Paolo Scudieri, amministratore delegato Adler Group - che le difficoltà di accesso al credito siano aumentate con la crisi. Le piccole e medie imprese si ritrovano a dover superere prove sempre più difficili prima di poter contare sul sostegno delle banche. Questo, a volte, decreta la fine dell’attività imprenditoriale stessa”. “Questo incontro si realizza in un momento molto delicato per l’economia meridionale ed in particolare le condizioni della provincia di Caserta – sottolinea Massimo Lo Cicero, docente di Economia Aziendale, Università La Sapienza - non devono essere interpretate solo come la conseguenza di limiti e difficoltà da parte degli attori economici, imprese, banche e famiglie, che agiscono in Terra di Lavoro. L’Italia non cresce da più di 10 anni, dobbiamo trovare una strada per riprendere la crescita ed un modo per guidare il cambiamento. Questo deve essere il principale obiettivo.” Dunque l’incontro, rivolto a imprenditori, dottori commercialisti, consulenti aziendali, manager bancari, cercherà di far luce sui possibili strumenti di crescita che possono essere impiegati in un contesto economico e finanziario in così forte crisi. Il ciclo proseguirà nelle successive tappe della rassegna che toccheranno gli altri due capoluoghi campani: Avellino e Benevento

Follow Casertasette on Twitter

Parole correlate: Casertasette Caserta Sette Caserta Campania Napoli Benevento Avellino Salerno attualità economia imprese fidi turismo ambiente notizie news internet novità reggia giornali quotidiani tv emittenti giornalisti giornalistici confindustria marcegaglia coppola radio televisione web stampa rassegna commercio camera





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=20754