CASERTA: SEI FERMI PER CONTROLLO DROGA. SFIORATA STRAGE
Data: Martedý, 05 aprile @ 20:11:11 CEST
Argomento: Cronaca




SANTA MARIA CAPUA VETERE (Caserta), 5 aprile 2011 (Casertasette) - Volevano uccidere uno spacciatore che dava fastidio sulla piazza in modo plateale ma, fortunatamente, solo per un miracolo si Ŕ evitata quella che poteva essere una strate. Ricostruito, infatti, dalla squadra mobile di Caserta e dai carabinieri della compagnia samaritana la dinamica del tentativo di omicidio di Giuseppe Pimpinella, 28 anni, contro il quale l'altra mattina mattina sono stati esplosi una ventina di colpi di pistola. Sei i fermi: Pimpinella, noto alle forze dell'ordine, si trovava all'interno del piazzale della ditta di traslochi nella quale lavora, tra San Prisco e Santa Maria, quando sono entrati in azione sei uomini che hanno sparato con due pistole, successivamente recuperate dagli investigatori. L'episodio Ŕ da inquadrare, secondo quanto emerso dalle indagini , nella lotta tra due gruppi che nella zona si contendono il controllo dello spaccio di droga. I fermati sono Mario Mastroianni, Pasquale Fava, Francesco Di Monaco, Vincenzo Santone, Biagio Merola e Cristian De Luca con etÓ dai 19 ai 38 anni accusati a vario titolo di concorso in tentato omicidio aggravato, detenzione e porto illegale di armi e ricettazione di armi. Di Monaco e Santone, ritenuti gli autori materiali del tentativo di omicidio. Sequestrate pistole, auto e moto usate per l'agguato. Di Monaco e Santone, sono stati bloccati da un equipaggio della Digos di Caserta e della mobile in servizio nella zona mentre fuggivano in sella a uno scooter. I carabinieri hanno precluso invece ogni via di fuga a Fava e a Mastroianni, che erano bordo di una Seat Arosa, e a Merola e a De Luca, che li seguivano su di una Mini Cooper. Nel portabagagli di quest'ultima vettura sono stati recuperati un passamontagna ed un paio di guanti gialli utilizzati dal commando. Sono state anche sequestrate una pistola Beretta cal 7,65, una Sig Sauer cal. 7,65 parabellum, gettate dai malviventi tra i rovi di una strada interpoderale contigua allo svincolo di San Prisco del raccordo che collega Santa Maria Capua Vetere a Maddaloni.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=20452