CRONACA E ATTUALITA', CASERTA: NEWS. LE NOTIZIE DELLE ULTIME 24 ORE IN RETE
Data: Sabato, 02 ottobre @ 19:48:10 CEST
Argomento: Cronaca


Notiziario week end dal 30 settembre al 2 ottobre 2010



CARABINIERI DI SAN FELICE A CANCELLO. ARRESTO AI DOMICILIARI PER TENTATO OMICIDIO.

2 OTTOBRE 2010 - I Carabinieri della Stazione di San Felice a Cancello hanno tratto in arresto Carmine Cioffi, operaio 50enne del quartiere Talanico di San Felice, pregiudicato. L’uomo nel settembre 2007, mentre si trovava a Genova, si è reso responsabile di vari reati quali tentato omicidio, porto abusivo e aggravato di armi in pubblico e favoreggiamento della prostituzione. Per quei fatti la Corte d’Appello di Genova lo ha condannato a 3 anni e 4 mesi di reclusione dei quali, sottraendo i periodi di detenzione già sofferti e quelli abbuonati per la concessione di alcuni benefici, restano da scontare 4 mesi e 14 giorni agli arresti domiciliari. Pertanto il Cioffi è stato tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione nella Frazione Talanico.

2 OTTOBRE 2010 - CARABINIERI DI MADDALONI. 2 DENUNCE PER VIOLAZIONE DELLE NORME SUI RIFIUTI.

I Carabinieri della Stazione di Maddaloni nel corso della mattinata hanno notato in via G. Sani la presenza di un camion carico di rifiuti ferrosi, pertanto la pattuglia ha proceduto al controllo del mezzo. Si trattava di un Ford Transit cassonato con targa bulgara, carico di vari metri cubi di rifiuti speciali quali cavi elettrici, copertoni, vecchi elettrodomestici e sanitari, lamiere e tubi in ferro, materiali ferrosi vari ed altro. A bordo del mezzo vi erano due romeni di 30 anni, tutti senza fissa dimora, che non sono stati in grado di giustificare l’attività che stavano svolgendo né la presenza del carico di rifiuti, non essendo in possesso di valida documentazione al riguardo. Alla luce di quanto accertato i due romeni sono stati denunciati in stato di libertà per trasporto illecito di rifiuti speciali, mentre il mezzo ed il carico sono stati posti in sequestro. Il problema dell’abbandono incontrollato di rifiuti, speciali e non, soprattutto nelle aree rurali o in quelle periferiche del territorio, è sempre attuale; pertanto i Carabinieri continuano a tenere elevata la soglia dell’attenzione per prevenire e reprimere questi fenomeni. A volte alcune delle persone fermate obbiettano che raccogliendo il ferro per rivenderlo, seppure con attività abusiva, svolgono di fatto un servizio di raccolta di rifiuti; tuttavia la considerazione è frettolosa e superficiale, poiché tutto il materiale non riutilizzabile o che non si riesce a rivendere, non viene poi smaltito regolarmente, ma finisce scaricato abusivamente in qualche strada secondaria del territorio.

2 OTTOBRE 2010 - CARABINIERI DI ARIENZO. 6 DENUNCE PER ABUSI EDILIZI.

I Carabinieri della Stazione di Arienzo, in collaborazione con personale del Comune, hanno eseguito una serie di controlli finalizzati al contrasto dell’abusivismo edilizio, all’esito dei quali 6 persone sono state denunciate in stato di libertà. Un dei controlli è stato eseguito in località Signorindico, dove sono stati denunciati alla Procura della Repubblica C.A., 70enne, C.E., 35enne, e M.C., 42enne, tutti di Arienzo, nelle rispettive qualità di proprietari e conduttori di uno stabile. Nell’edificio, previa divisione di un’unica unità abitativa, attraverso più interventi edilizi con apposizione di varie tramezzature e d’impiantistica, è stato realizzato un miniappartamento in un vano adibito a deposito e camera d’aria; mentre una tettoia è stata trasformata in vano cucina, il tutto abusivamente e in assenza del permesso di costruire. È risultato inoltre che le opere edili eseguite non sono in alcun modo condonabili né regolarizzabili in quanto in contrasto con le norme tecniche di attuazione del Piano Assetto Idrogeologico del Bacino Nord Occidentale, che vieta queste opera in una “zona a rischio idraulico molto elevato” quale quella di Arienzo. Un altro controllo è stato eseguito in via Costa, dove sono stati alla Procura della Repubblica N.C., 45enne, N.A., 75enne, e M.A., 75, tutti di Arienzo, nelle rispettive qualità di proprietari e usufruttuari di uno stabile. Essi su un lato dell’abitazione hanno realizzato un corpo di fabbrica con struttura portante in tufo e copertura in cemento, ed una pensilina allo stato grezzo in cemento; il tutto abusivamente, in zona sismica sottoposta a rischio idraulico ed a rischio frana, in assenza del permesso di costruire nonché senza preventiva denunzia dei lavori e deposito degli atti progettuali al Genio Civile. Il manufatto in corso d’opera è stato sottoposto a sequestro.

RAPINA A PORTAVALORI NEL CASERTANO, CC ARRESTANO BASISTA GUARDIA GIURATA AVREBBE FORNITO INFORMAZIONI A RAPINATORI

CASERTA, 1 OTTOBRE 2010 - Una guardia giurata, Lorenzo Trippaldella, di 38 anni, di san Nicola la Strada è stato arrestato dai carabinieri di Piedimonte Matese, nell'ambito delle indagini sulla rapina a un portavalori dello stesso istituto di Vigilanza, avvenuta questa mattina in prossimità dell'Ufficio Postale del centro dell'alto casertano. Due persone hanno puntato le pistole contro due colleghi che si accingevano a rifornire di denaro l'Ufficio dove questa mattina si sarebbero dovute pagare le pensioni e si sono impossessati di due plichi contenenti alcune decine di migliaia di euro. I malviventi sono, poi, fuggiti a piedi per le strade del centro storico e hanno fatto perdere le loro tracce, secondo i carabinieri, a bordo di un auto guidata da complici. Dalle indagini avviate dai militari, guidati dal capitano Salvatore Vitiello, sarebbero emerse responsabilità nei confronti dell'arrestato che avrebbe fornito ai due malviventi utili informazioni per portare a termine il colpo. Trippaldella è stato arrestato con l'accusa di favoreggiamento nei confronti dei due rapinatori che sono in corso di identificazione.

ITALIA 150:A CASERTA SI RACCONTA ULTIMA BATTAGLIA DEI MILLE NAPOLITANO, SUA IMPORTANZA NON FU ABBASTANZA SOTTOLINEATA

ROMA, 1 OTTOBRE 2010 - Era la fine di settembre del 1860, il 26, quando a sud del fiume Volturno, su fronte esteso venti chilometri, cominciarono a scontrarsi 24 mila garibaldini e 25 mila soldati borbonici, scontro che si concluderà solo il 2 ottobre con la sconfitta dell'esercito di Francesco II. A quella memorabile battaglia, l'ultima dei Mille di Garibaldi, è dedicata una mostra che da domani alla Reggia di Caserta celebra i 150 anni dell'UNità d'Italia. "Una battaglia la cui importanza storica, veramente eccezionale, non è stata negli anni sufficientemente sottolineata", scrive oggi il presidente della repubblica Giorgio Napolitano, complimentandosi con l'unità tecnica della Presidenza del Consiglio che l'ha organizzata con il ministero dei beni culturali e la collaborazione dell'Istituto internazionale di studi Giuseppe Garibaldi, la Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e la Prefettura di Caserta. Una battaglia, fa notare Napolitano, "che merita di essere raccontata per come è stata, cioé una tragica battaglia tra italiani, anche se finalizzata ad un obiettivo di libertà e di indipendenza nazionale che avrebbe dovuto unirli tutti. L'esercito napoletano - come dice Garibaldi nelle sue memorie - combatté con grande valore e tenacia dei soldati". Il 150esimo dell'Unità d'Italia, sottolinea il presidente, deve prevedere soprattutto "uno sforzo collettivo della comunità nazionale per riappropriarsi della propria storia , in spirito di verità, identificandosi con i valori di impegno civile , disinteresse, coraggio, che animarono il Risorgimento e che sono profondamente validi anche nel nostro tempo". Incisioni d'epoca, armi, divise, cimeli, documenti storici, fotografie d'epoca e anche spezzoni di film storici, oltre a diversi pannelli racconteranno dunque le diverse fasi della battaglia e tra le rarità ci sarà anche anche il dipinto di Gerolamo Induno 'Garibaldi sulle alture di S. Angelo presso Capua', mai esposto a Caserta, insieme ad opere provenienti dalla collezione Tronca mai esposte al pubblico. Domani la mostra sarà preceduta da un convegno, che comincerà alle 10.30 nell'Aula Magna della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, e al quale interverranno Paolo Peluffo, Paolo Francesco Tronca, Luigi Mascilli Migliorini, Giuseppe Garibaldi Jr. Per ricordare gli eventi nei Comuni scenario delle battaglie (Capua, Santa Maria Capua Vetere, Maddaloni, Valle di Maddaloni, Castel Morrone), anticipano dalla unità tecnica della Presidenza del Consiglio, saranno organizzate cerimonie commemorative.

IMMIGRAZIONE:CASTEL VOLTURNO,ANNULLATA MARCIA CONTRO CAMORRA SCONOSCIUTI DANNEGGIANO SEDE ASSOCIAZIONE PER L'INTEGRAZIONE

CASERTA, 1 OTTOBRE 2010 - Castel Volturno è ancora al centro della cronaca in questo fine settimana non solo per il divieto imposto dal prefetto, Ezio Monaco e dal questore Guido Longo che hanno vietato le manifestazioni antirazziste e contro la camorra organizzate per ieri da movimento di estrema destra "Forza Nuova" e per domani mattina dal sindaco della città del litorale, Antonio Scalzone, ma anche per l'incursione di sconosciuti all'interno dell'associazione Arca, che si occupa di favorire l'integrazione tra bambini italiani e extracomunitari. Nella sede dell'associazione, ospitata in un bene confiscato alla camorra sono stati danneggiati alcuni computer ed attrezzature varie. La decisione di annullare la marcia di protesta di domani mattina, promossa dal sindaco e dall'amministrazione comunale di centro destra di Castel Volturno e alla quale erano stati invitati i sindaci e i dirigenti di numerose scuole comuni dell'agro aversano e del litorale domiziano, è stato adottato a conclusione di un vertice in prefettura. Intanto, Valerio Taglione, referente del Casertano di Libera ha in una nota ha stigmatizzato l'atto vandalico ai danni dell'associazione Arca. "Il grave atto vandalico - scrive Taglione - esprime ancora una volta la necessità di un impegno congiunto e costante contro la legge, ancora troppo radicata, della violenza, dell'intolleranza e del potere criminale. Il lavoro dell'Arca apre uno spiraglio al cambiamento. Quanto accaduto - conclude il referente di Libera - testimonia infatti che ormai la strada dell'impegno è stata solcata e, dinanzi alla crescita di una rete di cittadini che giorno per giorno resistono contro la cultura dell'indifferenza camorristica e dell'egoismo, qualcuno forse comincia ad aver paura". "Costruire comunità alternative alla criminalità organizzata, - dice ancora Taglione - partendo dall'uso sociale dei beni confiscati, è un' occasione che il nostro territorio non può e non deve perdere".

SANITA':PROTESTE LAVORATORI ASSISTENZA ANZIANI DEL CASERTANO DIVERSAMENTE ABILI OCCUPANO UFFICIO ASL MADDALONI

CASERTA, 1 OTTOBRE 2010 - Nuova manifestazione di protesta dei lavoratori della Cooperativa Arca, impegnati nell' assistenza ad anziani, disabili e ai bambini portatori di handicap. Alla base della protesta, conclusa con l'occupazione della sede dell'Asl di Maddaloni, il pagamento di spettanze che non percepiscono da oltre un anno. Una delegazione, guidata dal responsabile provinciale della Cisl sanità, Nicola Cristiani, ha incontrato il sindaco di Maddaloni, comune capofila dell'ambito C1, Antonio Cerreto, che si è impegnato a liquidare subito le due premialità riferite al servizio disabili della terza e quarta annualità e quelle relative al servizio scolastico per i disabili. Cerreto si è impegnato a sollecitare i sindaci degli altri 9 comuni inadempienti a fare altrettanto per avviare a soluzione la lunga vertenza in atto. Un impegno a pagare le quote arretrate per i servizi offerti dagli operatori sanitari è stato assunto nei giorni scorsi anche dal sindaco di Marcianise, Antonio Tartaglione. Sindacati e lavoratori auspicano, infine, lo sbocco dei fondi da parte della Regione Campania per la felice conclusione della vicenda.

CAMPANIA: TRASPORTI; VETRELLA, DISAPPUNTO SU VERTENZA ACMS

1 OTTOBRE 2010 - In relazione alla nota vicenda che sta vivendo l'Acms (Azienda Casertana Mobilità e Servizi) di proprietà della Provincia di Caserta, del comune di Caserta e di altri comuni minori del casertano, attualmente in liquidazione ed amministrazione straordinaria, "dichiaro il mio disappunto per quanto sta avvenendo in base alle decisioni assunte dal Commissario Straordinario prof. Francesco Fimmanò". Lo scrive, in una nota, l'assessore regionale ai Trasporti, Sergio Vetrella. "Con una nota del 3 agosto scorso il Commissario ha comunicato la decisione unilaterale di voler interrompere i servizi contrattualizzati con la Regione a partire dall'8 ottobre prossimo, a causa del mancato pagamento del corrispettivo da parte della stessa Regione. Senza voler entrare nel merito del contenzioso sollevato dal Commissario nei confronti della Regione, debbo solo precisare che il mancato pagamento è stato causato dal rifiuto da parte dell'Azienda di certificare i km percorsi dai propri autobus. Di recente ho convocato presso i miei uffici una riunione alla quale hanno partecipato, oltre al sottoscritto e al Commissario Fimmanò, anche i rispettivi dirigenti, con lo scopo di pervenire a un valido compromesso per assicurare la continuità dei servizi almeno fino alla fine dell'anno", aggiunge Vetrella. "Ogni proposta di soluzione da me avanzata è stata puntualmente rigettata da parte del Commissario, che ha posto come condizione inderogabile l'accettazione dei sindacati a porre in cassa integrazione speciale una parte dei dipendenti. In ultima analisi, finanche il semplice rinvio a fine ottobre di ogni decisione definitiva è stato respinto. Tale atteggiamento da parte del Commissario Fimmanò non potrà che arrecare un serio danno agli utenti e mettere a rischio un numero consistente di posti di lavoro. Resto comunque a disposizione per trovare ogni possibile via d'uscita ad un problema tanto spinoso che minimizzi il danno ai cittadini e ai lavoratori", conclude Vetrella.

ACQUISTI CON BANCONOTE FALSE, DUE ARRESTI NEL CASERTANO

CASERTA, 1 OTTOBRE 2010 - Due diciannovenni, Luciano Leo e Francesco Bardolino, sono stati arrestati dai carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese (Caserta), con l'accusa di spendita di monete false. I militari li hanno bloccati mentre i due, dopo avere acquistato merce in quattro negozi di Dragoni, tentavano di spacciare altre banconote in una tabaccheria. Al momento dell'arresto Leo e Bardolino sono stati trovati in possesso di un'altra decina di banconote false. Gli arrestati sono stati condotti al carcere di S.Maria Capua Vetere.

CONCUSSIONE E VIOLENZA SESSUALE: A GIUDIZIO MARESCIALLO GDF 1 OTTTOBRE 2010 - Il gup del Tribunale di Bari Susanna De Felice ha rinviato a giudizio il maresciallo della Guardia di Finanza Raffaele Munno per i reati di concussione e violenza sessuale. Il militare, 36 anni, originario di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), ha svolto servizio come addetto alla mensa nelle caserme baresi Macchi e Partipilo e, secondo l'accusa, tra il 2003 e il 2007, avrebbe sottratto pasti completi per sè e per la sua famiglia. Avrebbe inoltre abusato sessualmente di tre donne, impiegate civili in servizio nella mensa, toccandole e minacciandole di licenziamento se non avessero ceduto alle sue richieste. Il processo è fissato per il 13 gennaio prossimo davanti ai giudici della prima sezione penale del Tribunale di Bari.

PROTESTA ACMS A CASERTA, AGGREDITO GIORNALISTA

1 OTTOBRE 2010 - Un collaboratore del quotidiano "Corriere di Caserta", Davide Bert, è stato aggredito oggi nel corso di una manifestazione di protesta dei lavoratori dell'Acms di Caserta. Lo rende noto la direzione dello stesso giornale, riferendo che la vicenda è avvenuta dinanzi alla sede della Provincia dove alcune persone - non identificate - hanno danneggiato il portone. Bert ha ripreso la scena ed è stato aggredito. "E' sempre più difficile - ha dichiarato il direttore della testata giornalistica Domenico Palmiero - fare questo lavoro soprattutto per chi opera in realtà complesse come la nostra. Malgrado ciò continueremo ad informare i nostri lettori senza essere influenzati dalle intimidazioni. Mi appello alle istituzioni affinché contribuiscano a fare quanto di loro competenza al fine di svelenire un clima che rende sempre più difficile fare informazione". L'episodio accaduto a Belpietro, dice sempre Palmiero "testimonia che anche a livello nazionale non tira aria migliore".L'Ordine dei Giornalisti della Campania stigmatizza e condanna fermamente "i gravi episodi di violenza ai danni dei giornalisti avvenuti nella giornata di oggi ed è vicino ai colleghi Stefano Renna e David Bert, rispettivamente aggrediti nell'esercizio del loro lavoro a Castellammare e a Caserta". "Il ripetersi di questi gravi episodi che minano il diritto all'informazione - si legge in una nota - vedono l'Ordine dei Giornalisti fermamente impegnato". un appello infine viene rivolto "alle forze dell'ordine affinché vi sia un'adeguata tutela dei colleghi impegnati nel garantire una corretta e precisa informazione".

CINEMA: TORNANO A ROSARNO GLI IMMIGRATI DE "IL SANGUE VERDE STASERA A CASERTA PROIEZIONE CON TONI SERVILLO

1 OTTTOBRE 2010 - Doppio appuntamento, stasera a Caserta e domani a Rosarno Calabro per il film-documento di Andrea Segre "Il sangue verde", già proposto alla Mostra di Venezia (Giornate degli autori) e in tv su Raitre. "Non si tratta di occasioni come le altre per un film che pure viaggerà in tantissime sale italiane nei prossimi mesi e che è finalista anche ai concorsi Libero Bizzarri e Cinema.Doc - spiega il regista: Caserta e Rosarno sono due dei maggiori luoghi di concentrazione del bracciantato nel Mezzogiorno d'Italia. Qui lavorano a stagione molti dei miei protagonisti, coloro per i quali ho realizzato questo documentario, perché la loro voce avesse cittadinanza nell'Italia di oggi. A Rosarno tra dieci giorni ricomincia la raccolta dei limoni e poi delle arance, a Caserta si colgono i pomodori e per questo lavoro vengono reclutati, spesso in clandestinità, lavoratori stranieri e immigrati. Dare voce ai loro ricordi, alle loro speranze e paure é il mio lavoro e sono felice che in quest'avventura si siano impegnati al mio fianco Toni Servillo (casertano di nascita, sarà lui a presentare "Il sangue verde" al pubblico questa sera al cinema Vittoria), l'ex sindaco di Rosarno, Giuseppe Lavorato, il giornalista Stefano Liberti con cui avevo già collaborato per 'A Sud di Lampedusa'". Nel film di Andrea Segre prendono la parola i lavoratori immigrati che solo pochi mesi fa vissero in prima persona l'odio razziale, la paura degli italiani, la violenza degli scontri che portarono Rosarno sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Ritornare negli stessi luoghi sarà per molti di loro un'esperienza traumatica"Almeno due di loro scenderanno a Rosarno - dice Segre - mentre sono quasi tutti presenti a Caserta. Io credo molto in occasioni come questa perché spingono italiani e immigrati a sedere fianco a fianco, a conoscersi, a discutere. Si tratta di due comunità che abitualmente si sfiorano quotidianamente senza mai parlarsi. I miei amici africani lamentano soprattutto di vivere questo tipo d'esclusione che favorisce l'ignoranza, la diffidenza, genera la paura e poi la violenza. Chi fa il bracciante a giornata incontra gli italiani solo per chiedere lavoro o per essere assistito da volontari socialmente impegnati. In entrambi i casi si tratta di un rapporto anomalo, là dove ci vorrebbe invece dialogo quotidiano, normale, senza pregiudizi perché quando scoppiano i disordini è facile dare la colpa agli uni o agli altri. E sempre si tratta di giudizio sommario in una materia in cui la verità non è mai una sola". "Vedrò il film stasera con il pubblico della mia Caserta - dice Toni Servillo - ma sono fiero di impegnarmi per una causa importante e per incitare i miei concittadini a conoscere davvero gli uomini che siedono al cinema vicino a loro, che lavorano nelle stesse campagne, che hanno storie e vite da condividere e che invece a noi italiani appaiono più come ombre che come persone". Il veneziano Andrea Segre non si dice preoccupato invece dall'ombra lunga della camorra e della malavita che, nell'ombra, gestisce il "traffico delle braccia" e il lavoro occasionale. "La parola pubblica - dice - crea sempre timore e tensione in chi normalmente opera nel silenzio e nell'omertà. Ma ho fiducia nella volontà di cambiamento della nostra gente del sud. Per questo sono orgoglioso che la proiezione di Rosarno avvenga in una scuola, tra studenti e ragazzi che per l'occasione porteranno al cinema le loro famiglie. Si realizza anche così il mio sogno di usare il cinema come occasione d'incontro e di conoscenza. Per questo ho girato 'Il sangue verde', perché chi non ha diritto di parola abbia a disposizione un microfono con cui farsi conoscere".

IMMIGRAZIONE: FN, NIENTE MANIFESTAZIONE STASERA C. VOLTURNO CASERTA, 30 SETTEMBRE 2010 -

I militanti di Forza Nuova, che avevano annunciato per questa sera a castel Volturno una fiaccolata contro la camorra e gli immigrati clandestini, hanno rispettato il divieto ad effettuate la manifestazione, imposto ieri sera dalla Prefettura di Caserta. Esponenti del partito di estrema destra hanno già fatto sapere di voler essere presenti a Castel Volturno sabato sera, ad una analoga manifestazione organizzata dal sindaco, Antonio Scalzone. L'iniziativa di protesta è contro la camorra, la mafia nigeriana, l'immigrazione clandestina e lo spaccio di sostanze stupefacenti

LATITANTE DEL MAROCCO ARRESTATO DA CC CASAL DI PRINCIPE

CASERTA, 30 SETTEMBRE 2010 - Un latitante del Marocco, Mohamed Assinay, di 26 anni, è stato arrestato a conclusione di indagini e pedinamenti, dai carabinieri di Casal di Principe. Nei confronti del giovane, privo di permesso di soggiorno, il Tribunale di Bologna aveva emesso nel febbraio scorso un ordine di carcerazione: l'immigrato doveva infatti scontare 11 mesi di reclusione per i reati di rapina e lesioni personali. Assinay era cercato anche perché il Gip del tribunale di Palmi (Reggio Calabria) aveva emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere con l'accusa di furto aggravato.

RIFIUTI: BOCCIA (PD), PERCHE' NON SI SCIOLSERO CONSORZI? INTERROGA GOVERNO SU RELAZIONE EX PREFETTO,'SINDACO NON C'ENTRA'

30 SETTEMBRE 2010 - Il deputato del Pd Francesco Boccia (Pd) annuncia una interrogazione al presidente del Consiglio e al ministro dell'Interno Maroni sui rifiuti. "Berlusconi lasci stare il sindaco Iervolino e la più cinica propaganda: sui rifiuti dica piuttosto che fine ha fatto la relazione dell'ex prefetto di Napoli Pansa che, nel dicembre 2007, nella fase più drammatica della crisi dei rifiuti - dice -, in una relazione riservata al Presidente Prodi indicava nello scioglimento di tutti i consorzi per lo smaltimento dei rifiuti dei Comuni di Napoli e Caserta la strada principale per una nuova gestione dei processi di smaltimento". "Negli ultimi giorni del Governo Prodi - continua -, ricevemmo una delicata relazione nella quale il prefetto di Napoli, Alessandro Pansa, indicò chiaramente, tra le sue proposte, la necessità di chiudere i consorzi delle due grandi province campane per evidenti illegalità del loro operato e per le loro connivenze con le organizzazioni criminali. Da uomo che fa del senso dello Stato una ragione di vita, ho sempre evitato di chiedere conto sul piano politico di una cosa che i funzionari delegati dal Governo avrebbero dovuto portare avanti d'ufficio. Oggi però, dopo l'ennesimo attacco ingiustificato al Sindaco di Napoli, chiaramente non responsabile dello stato delle cose, mi chiedo: perché non sono stati sciolti? Forse sono stati bonificati?" "Perché nel dramma della gestione rifiuti in Campania - conclude Boccia - si continuano a tirare in ballo tre province sane e autonome come Benevento, Avellino e Salerno facendo finta che il problema sia regionale e invece è sempre degli stessi consorzi inquisiti già ai tempi del Governo Prodi?".

TRASPORTI: DIODATO (PDL), SOSPESI ABBONAMENTI ANNUALI'UNICO' TEATRO: SERVILLO, LETTURE NAPOLETANE A SESSA AURUNCA

30 SETTEMBRE 2010 - Toni Servillo con "Letture napoletane", in anteprima regionale conclude sabato 2 ottobre (ore 20.30) al Castello Ducale di Sessa Aurunca (Caserta) la rassegna "I Luoghi della Memoria". Reduce dai successi d'oltreoceano della "Trilogia della villeggiatura", ottomila spettatori in cinque giorni (dal 22 al 26 settembre) al Theatre Maisonneuve di Montreal, l'attore e regista propone dopo Milano, Roma, Firenze il suo singolare ed appassionato "viaggio di parola, dedicato a Napoli, città di mille volti e mille contraddizioni" che comprende quattro poemetti, di grandi autori napoletani, Salvatore Di Giacomo, (Lassamme fà a Dio), Eduardo De Filippo (De Pretore Vincenzo), Raffaele Viviani (Fravecature) ed infine Enzo Moscato (Litoranea). "Un excursus cronologico - sottolinea l'interprete - dall'Ottocento ad oggi, per mettere in evidenza quanto la lingua napoletana sappia mantenersi viva . Una lingua condivisa che attraversa le classi, unendole e non dividendole, come non accade in molte altre parti d'Italia.

ESERCITO: CENTRO DOCUMENTALE NAPOLI, CAMBIO AL VERTICE

NAPOLI, 30 SETTEMBRE 2010 - Domani, con inizio alle ore 10, nella caserma Calò in via Colonnello Lahalle, a Napoli, si terrà la cerimonia di cambio del Comandante, al colonnello Alessandro Di Giacomo succederà il colonnello Gian Nicola Luciano. Presiederà la cerimonia il generale di brigata Guido Landriani, responsabile del Comando Militare Esercito "Campania". Il passaggio di consegne sarà preceduto dalla deposizione di una corona di alloro al monumento ai caduti. Il Centro Documentale di Napoli (Cedoc) è l'ufficio che svolge le funzioni una volta espletate dal diretto del Distretto Militare di Napoli (27°), istituito nel dicembre 1870. Il Cedoc di Napoli assolve, quindi, a tutti i compiti del disciolto Distretto Militare di Napoli. Sospesa la Leva, il Centro svolge prevalentemente attività documentale, rivolta al personale che ha terminato il servizio militare, informativa, per chi cerca informazioni sull'arruolamento e la riserva e di servizio per altre istituzioni come i Comuni o l'Inps. Il Centro ha competenza per la Campania tranne le province di Caserta e Salerno. "E' stato un anno intenso e ricco di soddisfazioni - afferma il colonnello Di Giacomo - durante il quale registriamo circa 9.500 domande di arruolamento per VFP1 ricevute, portando il Cedoc di Napoli ad essere il primo in Italia. Centinaia le richieste di informazione per l'accesso alla riserva selezionata da parte di professionisti di tutte le categorie - continua Di Giacomo - oltre 9.000 le richieste di copia di fascicoli matricolari, 3000 le richieste Inps online, centinaia le richieste di: cause di servizio, pensione privilegiata ordinaria, equo indennizzo ed onorificenze".

CAMPANIA: GIORDANO (IDV), PORTERO' AVANTI MIO IMPEGNO

NAPOLI, 30 SETTEMBRE 2010 - - "La coerenza alle idee e ai valori, ed il rispetto delle persone che mi hanno permesso di essere eletto Consigliere Regionale, conferma la mia volontà di portare avanti con immutato impegno l'attività politica dell'IdV in regione Campania e, soprattutto, in provincia di Caserta. Agli amici che hanno deciso di intraprendere un nuovo percorso formulo gli auguri di buon lavoro". E' quanto ha dichiarato in una nota Eduardo Giordano capogruppo Idv in Consiglio regionale. "Oggi, però, vorrei riportare la priorità politica ai problemi che affliggono i cittadini di questa Regione. E' nel loro interesse che noi vogliamo spendere le nostre forze. Italia dei Valori continua le sue battaglie in nome di chi ci ha dato fiducia permettendoci di dimostrare che siamo una realtà viva e produttiva. Il partito è compatto a Caserta e prosegue le sue battaglie nell'interesse comune dei cittadini e soprattutto delle fasce più deboli, penso all'operaio di Fincantieri che si è tolto la vita la scorsa notte, ai lavoratori della Firema e a quelli di Pomigliano, ai rifiuti e alla sicurezza di un territorio sempre più mortificato da atti di violenza inaccettabili. Oggi sono questi i temi prioritari della nostra agenda politica", conclude Giordano.

RIFIUTI: IL 2 OTTOBRE GIORNATA NAZIONALE DEL RICICLO 20 CITTA' IN PIAZZA CON MINISTERO AMBIENTE E CONSORZIO CONAI

30 SETTEMBRE 2010 - Zone d'ombra ma anche eccellenze: la raccolta differenziata in Italia c'é ma si fa ancora male. Per imparare a gettare la spazzatura nel cassonetto giusto e nella corretta modalità arriva la 1/a Giornata nazionale del riciclo e della raccolta differenziata di qualità. Sabato 2 ottobre 20 città italiane saranno in piazza con il ministero dell'Ambiente e il Consorzio nazionale imballaggi (Conai). La giornata è stata presentata in una conferenza stampa oggi a Milano. Per le 20 città anche un decalogo per entrare nella top ten del riciclo. "La raccolta differenziata - afferma in una nota il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo - è il punto di partenza essenziale di un corretto ciclo di smaltimento dei rifiuti che, nella loro quasi totalità, non sono uno scarto ma una risorsa che può essere utilizzata come materia prima per realizzare nuovi oggetti o come fonte di energia". In Italia, riferisce Conai, la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio è una realtà concreta con zone d'ombra ma anche punte di eccellenza ma è possibile migliorare la qualità del materiale raccolto, separando correttamente i diversi materiali, riducendone il volume, riconoscendo il tipo di materiale, ripulendo gli imballaggi dai residui di cibo. E, in occasione della prima Giornata nazionale del riciclo Conai donerà alle 20 città coinvolte (Ancona, Aosta, Arezzo, Bari, Bologna, Caserta, L'Aquila, La Spezia, Matera, Milano, Oristano, Perugia, Reggio Calabria, Roma, Siracusa, Termoli, Trento, Treviso, Trieste, Vercelli) 6 panchine di design realizzate utilizzando esclusivamente materiali di imballaggio provenienti da riciclo.

DROGA: SEQUESTRATE NEL CASERTANO 900 PIANTE DI CANNABIS IMMESSE SUL MERCATO AVREBBERO FRUTTATO 2 MLN EURO. TRE ARRESTI

30 settembre 2010 - Sequestro di 900 piante di cannabis, nel Casertano: 1782 chilogrammi che immessi sul mercato avrebbero fruttato circa due milioni di euro. Tre le persone arrestate nel corso di un'operazione, 'No production', messa in atto dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Caserta. I tre responsabili sono stati arrestati in flagranza tra Mondragone, Carano di Sessa Aurunca e Cancello ed Arnone: in un caso realizzata anche una serra destinata a preservare la piantagione di canapa - finalizzata alla produzione di marijuana e hashish - dall'eventuale maltempo. I dettagli dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa (ore 11) negli uffici della Procura di Santa Maria Capua Vetere.







Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=20023