FESTA DI NOZZE NELLA REGGIA: LA CASSA EDILE TIRATA IN BALLO, RISPONDE
Data: Sabato, 17 luglio @ 15:27:43 CEST
Argomento: Beni Culturali


Riceviamo e pubblichiamo da Antonio Farina una precisazione circa un passaggio - nella nota della soprintendente Paola Raffaella David a proposito di una festa di nozze nella Reggia - che si riferisce ad un congresso della Cassa Edile di cui è presidente Farina e ad un presunto tour di 300 persone negli appartamenti



CASERTA, 16 LUGLIO 2010 - (di Antonio Farina presidente Cassa Edile) - Premetto che la Cassa Edile della Provincia di Caserta, in occasione del Congresso Nazionale delle Casse Edili che si è tenuto a Caserta il 5 e 6 Luglio u.s., ritenne punto di orgoglio e, dunque, di grande impatto promozionale-turistico, far visitare il monumento borbonico ai 300 congressisti del mondo industriale provenienti da tutte le Regioni italiane. In ogni caso, al riguardo vennero richieste tutte le autorizzazioni prescritte dalla Soprintendenza, ivi compreso quello di allestire un tavolo con aperitivi, nei pressi della “fontana di Diana”, per dissetare i congressisti a causa della grande calura e non certamente per organizzare “La cena con buffet”, come sostiene la sovrintendente, cena che si svolse – come si sa – la sera stessa al “Crowne Plaza”. Rimarco invece, con sommo disappunto, il comportamento irriguardoso nei confronti degli ignari turisti da parte della responsabile della struttura, il quali infatti abbandonarono la reggia nel giro di un quarto d’ora. Mi chiedo: è questo il sistema per favorire il turismo per la visita alla Reggia? E’ questo il modo di fare accoglienza? A veridicità di quanto segnalato ritengo necessario allegare n. 2 istanze prodotte alla Soprintendenza, delle quali, la prima, con richiesta dell’autorizzazione per far servire l’aperitivo nei pressi della “famosa” fontana, non ha avuto alcun diniego; mentre la seconda, riferita alla richiesta di parcheggio momentaneo dei pulmans nel primo cortile di Palazzo Reale, ha avuto un immediato diniego. Quale colpa, dunque, si imputa alla Cassa edile, che peraltro ha puntualmente versato tutto quanto richiesto, sia in termini di pagamenti e sia di presentazioni di cauzioni? Se errori ci sono stati vanno ricercati altrove. Così come le buone maniere, evidentemente.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=19774