DIA: SEQUESTRATI 50 MLN DI EURO A TITOLARE CONCESSIONARIA ALFA ROMEO DI AVERSA
Data: Giovedý, 08 aprile @ 14:11:26 CEST
Argomento: Cronaca




SocietÓ, immobili, conti correnti bancari e terreni per un valore di oltre 25 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia di Napoli - su provvedimento del tribunale di Santa Maria Capua Vetere - ad un imprenditore di Aversa (Caserta), Vincenzo Brusciano, ritenuto appartenente al clan camorristico dei "Casalesi". I beni confiscati - 15 immobili ad Aversa e Teverola, tre terreni a Teverola, diverse disponibilitÓ finanziarie tra conti correnti, titoli e depositi e tre societÓ operanti nel settore della compravendita di autoveicoli di Aversa e Teverola - furono sequestrati (come avviene in via preventiva prima della confisca) dalla Dia di Napoli nel novembre e dicembre 2001 in esecuzione di specifici decreti emessi dal tribunale di santa Maria Capua Vetere. Oltre alla confisca dei beni, nei confronti di Brusciano Ŕ stata emessa la misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per tre anni e sei mesi. La maggior parte del patrimonio di Brusciano Ŕ rappresentato da una societÓ di concessionaria auto operante nell' aversano, costituita da un impianto ed un immobile modernissimo di notevoli dimensioni del valore commerciale di diversi milioni di euro. Sono state inoltre sequestrate centinaia di auto nuove da immatricolare e di auto usate tutte di grossa cilindrata. Brusciano Ŕ stato condannato a 12 anni di carcere e nel 2000 nei suoi confronti Ŕ stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere di stampo camorristico ed Ŕ ritenuto affiliato al clan dei Casalesi.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=1839