LA BALLA DELLA FAVELA DI BAIA DOMIZIA: SONO I 'NON SERVIZI' CHE UCCIDONO TURISMO
Data: Martedý, 04 agosto @ 20:34:54 CEST
Argomento: Turismo




BAIA DOMIZIA (Caserta, 4 agosto 2009) - Il caso delle case da abbattere (ma saranno davvero 5000 o Ŕ un'altra balla?), le cosiddette favelas del litorale di Baia Domizia, sono un bell'alibi per i comuni di Cellole e Sessa Aurunca (Caserta) che niente fino ad oggi hanno fatto per dare piu servizi e per dotarsi di un depuratore. La balla mediatica che come tanti pecoroni hanno riportato anche tg e giornali nazionali non Ŕ mica una novitÓ: (siamo un po' come nel caso di Gomorra). Alcune immagini tv risalenti al 1994 - tanto per non andare tanto indietro - documentano la 'supernotizia' che arriva poco prima dell'estate ciclicamente e si rinnova ogni due o tre anni: ecco stanno abbattendo le case abusive. Tanto clamore mediatico e poi si ferma tutto li. Come accaduto anche quest'anno. In questo modo i comuni interessati a far decollare il turismo hanno sempre l'alibi e le case restano li. Qualcuno si domanda dove finiscano anche gli scarichi delle abitazioni 'non abusive' di Cellole e Sessa Aurunca. Insomma, casi davvero gonfiati che fanno arrivare giornalisti da fuori zona 'accecati' dalle demolizioni virtuali. Poi si dimentica tutto....e il prossimo anno via con gli stessi articoli: ma, va precisato, sempre appena inizia la stagione estiva.





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=17583