CRIMINOLOGO BRUNO: 'NON IMMAGINO UN SERIAL KILLER NAPOLETANO'
Data: Domenica, 24 maggio @ 09:23:17 CEST
Argomento: Cronaca




SANTA MARIA CAPUA VETERE (CASERTA), 22 MAG - La vicenda di Domenico Cavasso, l'agente penitenziario che nel 1995 uccise sette persone tra cui alcuni familiari e impiegati di un ufficio - unico caso in provincia di Caserta di 'mass murderer' (colui che uccide più persone in uno stesso luogo, una sola volta) - è stata fra gli esempi citati dal criminologo e docente Francesco Bruno al corso di criminologia in via di svolgimento presso la Scuola forense 'Fest' di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). "Potrebbe suscitare ilarità, ma confesso che non riesco a immaginare un serial-killer napoletano" ha commentato Bruno parlando della figura degli assassini seriali (spree killer e serial killer) durante la lezione. Tra i prossimi relatori anche lo psichiatra e psicoterapeuta Alessandro Meluzzi (il 28 maggio), il comandante dei Ris di Parma colonnello Luciano Garofano (l'11 giugno) e diversi magistrati, docenti e avvocati. Il corso - utile ai fini dell'aggiornamento professionale di avvocati e forze dell'ordine - ha come tema i 'Profili criminologici e tecniche investigative in caso di omicidio'. L'iniziativa è dell'Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere, presieduto da Elio Sticco, in collaborazione con l'Osservatorio Giuridico Italiano (Giulio Amandola, presidente e Tiziana Barretta responsabile)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=17039