LATTIERO CASEARIO, CONFINDUSTRIA CASERTA: INSEDIATA CONSULTA
Data: Mercoledì, 28 gennaio @ 16:53:37 CET
Argomento: Economia




CASERTA - Con l’assemblea congiunta delle sezioni Alimentari e Lattiero-casearia si è ufficialmente insediata, presso Confindustria Caserta, la Consulta del settore agro-alimentare. Istituita recentemente dal Consiglio direttivo dell’associazione datoriale, su proposta del presidente Antonio Della Gatta, all’organismo è affidato il compito di fare analisi e elaborare proposte tese al superamento della grave crisi che attanaglia il comparto. Ai lavori, tra gli altri, hanno partecipato il consigliere Raffaele Garofalo (cui è affidato il compito di raccordare le determinazioni della Consulta con le linee programmatiche del Consiglio direttivo), il presidente della sezione Lattiero-casearia (cui invece è affidato il coordinamento vero e proprio dei lavori dell’organismo), il presidente della sezione Alimentari Bruno Cortese e – nell’ottica di promuovere sinergie con gli enti economici presenti sul territorio – il presidente di Agrisviluppo, azienda speciale della Camera di commercio di Caserta, Giuseppe Falco. E difatti non sono stati pochi i progetti – soprattutto nel campo della ricerca – proposti dalle aziende nei vari segmenti sia della produzione che della trasformazione. Con un occhio di riguardo, in particolare, alla questione energetica in chiave di eco-compatibilità col territorio. Su questo aspetto, anzi, di notevole interesse è stato il check up del comparto fatto da Lino Bonsignore, presidente della “3e-environmentenergyeconomy”, in relazione al fabbisogno energetico e al potenziale di investimento complessivo richiesto. In materia di ricerca, ancora, unanime volontà da parte delle aziende presenti è stata espressa circa la possibilità di potere valorizzare prodotti e territorio attraverso Eureco, laboratorio e centro di ricerca casertano di primissima qualità a livello regionale per il comparto agro-alimentare. Ragionamenti, spunti, riflessioni che sono infine confluiti nella fotografia dello stato dell’arte dell’iter del Contratto di programma regionale della filiera bufalina che è stato fatto, anche nella sua qualità di presidente del Consorzio Progetto Bufala, da Bruno Cortese. La proposta presentata alla Regione Campania prevede, come si sa, un importo complessivo di investimenti pari a circa 98,5 milioni di euro, coinvolge tutti attori della filiera, tra cui le 21 maggiori aziende casearie locali, ed è articolata in 24 progetti, di cui 15 per ampliamento e ammodernamento degli impianti esistenti; 3 per nuovi impianti; 2 per trasferimento degli impianti esistenti e relativo ampliamento; 3 progetti di Ricerca; ed un progetto di Formazione. “Lo scopo della Consulta – ha detto Garofalo – vuole essere un momento di sintesi costruttiva tra tutte le filiere che interagiscono nel comparto agro-alimentare, per lo sviluppo complessivo non soltanto delle aziende, ma di tutto il territorio. In questo senso – ha aggiunto – ho registrato con molto interesse la presenza del presidente dell’azienda speciale della Camera di Commercio, Falco, essendo il nostro scopo quello di fare rete, senza disperdere, come è avvenuto per il passato, preziose risorse in iniziative spesso disarticolate tra di loro”. (28 gennaio 2009)





Questo Articolo proviene da Casertasette
http://lnx.casertasette.com

L'URL per questa storia è:
http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=16260