nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
VENTRE: MAXI-SCHERMI IN CITTA' E RIPRESA TV DEL CONSIGLIO COMUNALE


(di Riccardo Ventre) - Cari concittadini, ieri, finalmente, il sindaco Petteruti ha indicato la giunta in consiglio comunale. A dire il vero ancora non è completa perché ne manca ancora uno, con delega presumibilmente importante, ossia quella all’urbanistica. Sono stati necessari ben due mesi, di immobilismo della macchina amministrativa, per poter concertare e mettere tutti d’accordo sulle cariche e le poltrone da spartire. Certo non è poco, anzi. E se a ciò aggiungiamo che ormai le ferie sono alle porte possiamo ben dire che questa amministrazione, quando inizierà a lavorare, avrà fatto perdere alla città ben oltre tre mesi di tempo. Ma di tutto ciò la cosa ch più sbalordisce è l’assoluto disprezzo da parte del sindaco per l’intelligenza dei casertani e dei consiglieri. Egli infatti si è presentato in consiglio dicendo che gli era stata chiesta una settimana di tempo per valutare meglio l’assetto della giunta, lui l’aveva concessa ed ecco che tutto, come per incanto, si era risolto. Come se i cittadini casertani non conoscessero tutto il malessere, le discordie, i veleni che sono stati dietro la composizione di questo esecutivo e che caratterizzeranno, ovviamente negativamente, l’attività di questa amministrazione che ci auguriamo non duri a lungo. Poche e scarne parole su un problema vitale. Per quanto riguarda le linee programmatiche poi si ha la sensazione di un tema copiato da un temario ed adattato alla realtà casertana. Si tratta infatti di affermazioni di prinoncio che possono essere valide a Catania come a Pordenone, con aggiustamenti per la realtà casertana. Il dibattito invece,tranne qualche rarissima eccezione, è stato caratterizzato da livore nei confronti della passata amministrazione e della gestione commissariale. Si è parlato di buio e di luce, di autunno e di primavera, ignorando che l’amministrazione Falco ha trasformato il volto della città. e lo dimostra ancora di più la circostanza che, dal momento dell’insediamento lo stesso sindaco ha inaugurato, senza aver fatto nulla in proprio, opere della passata amministrazione. Ma oltre a criticare ed a presentare un programma nebuloso e monco, ancora nulla di concreto è stato almeno indicato. Di tutt’altro tenore e qualità sono stati gli interventi dei consiglieri della Casa delle Libertà. Tutti coloro che hanno partecipato al dibattito, infatti, hanno dichiarato la disponibilità ad una opposizione costruttiva nell’interesse della città e ciò senza consociativismi, senza nulla chiedere in cambio, e quindi senza confusione di ruoli. E, con coerenza, non hanno votato contro le linee programmatiche, concedendo così un’apertura di credito anche formalmente. D’altro canto questa è la linea della Casa delle Libertà affermata con l’offerta di Berlusconi di collaborazione con Prodi, affermata da me con l’offerta di collaborazione al Presidente De Franciscis all’atto della sua elezione. Ho il fondato timore, con questi precedenti, che, al di là delle belle parole, la disponibilità della Casa delle Libertà al Comune, sarà parimenti cestinata. Ma per il dovere che noi abbiamo nei confronti dei cittadini casertani, presenteremo come Casa delle Libertà, nelle prossime settimane, un dettagliato programma di lavoro sul quale chiederemo un confronto, con un’apposita convocazione di consiglio comunale, con l’attuale maggioranza, con la speranza che le televisioni locali riprendano in diretta la seduta del consiglio e con l’installazione di maxi schermo in posti strategici della città di guisa che i cittadini casertani possano essere pienamente informati. (29 luglio 2006-16:05)

 
· Inoltre Enti e Comuni
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Enti e Comuni:
CASERTA, INIZIATIVE: IL DIESSINO BASSOLINO PREMIA L'AZZURRO VENTRE

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it