nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
FORMIA: ARRESTATA MADRE PICCOLA BROOKE MORTA PER ASFISSIA AD APRILE


E' stata arrestata la madre di Brooke, la bambina di un anno morta per asfissia il 24 aprile scorso mentre faceva il bagnetto. Naomi Elisabeth Costa, 22 anni, è accusata di omicidio colposo e abbandono di minore con l'aggravante di aver determinato la morte della figlia. E' stata posta ai domiciliari, secondo l'ordinanza del giudice delle indagini preliminari Aldo Morgigni, richiesta dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, nella base militare statunitense di Capodichino (Napoli). L'ordinanza è stata notificata alla donna da personale del commissariato di polizia di Formia, diretto dal vicequestore Nicolino Pepe. La giovane, moglie di un militare in servizio a Gaeta, era stata trasferita proprio dalle autorità statunitensi perché in stato di choc dopo la morte della figlia. La donna ha sempre sostenuto di essersi allontanata dalla vasca idromassaggio - dove oltre a Brooke c'era anche il fratellino di due anni e mezzo - per essere andata a prendere degli asciugamani e quindi di essere tornata e aver trovato la figlia già cianotica. Erano circa le 18. Fu vana la corsa in ospedale, Brooke era già morta. Non per annegamento, però, come si suppose inizialmente, bensì per asfissia, causata da una reazione nervosa all' ingestione di acqua. La mamma ha anche riferito che a trattenerla lontano dal bagno era stata una telefonata con il marito, smentita però dai tabulati, con il quale da alcuni mesi non viveva più. Il legale della giovane donna, Antonio Ammendola, dopo un lungo interrogatorio nei giorni successivi alla morte ha parlato di una tragica fatalità causata probabilmente dalla disattenzione della madre. Nei giorni scorsi era stato dato il nulla osta per le esequie della bimba in Texas, ma a questo punto lo scenario cambia di nuovo. (12 maggio 2006-11:00)

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it