nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
FINANZIAMENTI A EDITORI (2): ARRESTATO EX DIRETTORE DE 'IL GIORNALE D'ITALIA'


All' alba di oggi, i finanzieri del secondo gruppo di sezioni del Nucleo speciale di polizia valutaria, coordinati dal pm Olga Capasso, della procura di Roma, hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip Maria Giulia De Marco, nei confronti dell' ex direttore del quotidiano 'Il Giornale d' Italià, organo del movimento politico 'Pensionati uomini vivi', Massimo Bassoli e di due stretti collaboratori, Umberto Lorenzini e Rocco De Filippis. Alla moglie di Bassoli, Francesca Romana Dolazza, responsabile della società editrice del giornale 'Puntocom', sono stati concessi gli arresti domiciliari. Ai soggetti era legata anche l' ex società editrice del giornale 'L' Indipendenté, la cui attuale gestione è estranea all' inchiesta. "Le indagini - ha spiegato il colonnello Buratti - sono partite dalla segnalazione di un' operazione sospetta ricevuta dall' Ufficio italiano cambi: un prelievo di 165.000 euro che l' ex direttore del 'Giornale d' Italià ha fatto su un conto corrente bancario intestato ad una società editrice". Partendo da lì i finanzieri hanno ricostruito tutti i pagamenti fittizi riportati in contabilità, scoprendo che in realtà, gli importi affluivano puntualmente sui conti degli indagati o di società a loro riconducibili. Il meccanismo ideato dall' associazione a delinquere, ha proseguito il comandante del Nucleo speciale, "era quello di formare e contabilizzare fatture su collaborazioni giornalistiche fittizie, emesse a nome di societa0' inglesi, irlandesi e maltesi, risultate inesistenti, frodando così il fisco e gonfiando in maniera rilevante (oltre il doppio) i costi sulla cui base erano calcolate le provvidenze statali erogate dalla normativa sull' editoria". Il principale indagato, Bassoli, messo alle strette attraverso ispezioni bancarie sui propri conto correnti e vari sequestri, ha cercato di disfarsi del suo patrimonio - stimato intorno ai 25 milioni di euro - che è stato posto sotto sequestro da parte dei finanzieri. Le indagini sono ancora in pieno svolgimento e non si escludono ulteriori sviluppi. (11 maggio 2006-13:15)

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it