nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
BUFALE TRA I GRATTACIELI DI NAPOLI: CONSORZIO MOZZARELLA ESPRIME SOLIDARIETA'


Il presidente Anasb Raffaele Garofalo ha appreso in queste ore della dimostrazione in atto davanti alla sede degli assessorati regionali da parte dei conduttori dell’azienda bufalina Enrichiello di Acerra, che hanno circondato l’isola A6 del Centro Direzionale di Napoli con 11 bufale da latte. L’azienda dei fratelli Enrichiello, che si era vista sequestrare il latte, non ha percepito gli indennizzi conseguenti all’emergenza diossina del 2003 per un valore di 250mila euro, e per tanto protesta. Gli indennizzi erano previsti dalla Legge 268/2006 e dalla Legge regionale della Campania 6/2003. “Come presidente dell’Associazione nazionale allevatori specie bufalina non posso fare a meno di esprimere sentimenti di solidarietà nei confronti dei fratelli Enrichiello, i quali forse hanno avuto il solo torto di vedere sequestrato il latte dei propri animali in data successiva al 31 dicembre 2003”. Le norme di legge, in effetti, stabilivano di poter pagare indennizzi contro sequestri di latte effettuati nel solo periodo 1° Gennaio – 31 Dicembre 2003. “Si tratta di una norma che applica ai tempi operativi dell’impresa ed a quelli spesso sfuggenti e mutevoli della natura un criterio burocratico, quello dell’anno solare, che da solo – in questo caso - comporta l’esclusione dall’indennizzo della ditta Errichiello; confido per tanto – continua Garofalo - in una composizione rapida e costruttiva di questo caso, che è esemplificativo di una realtà molto diffusa: la vulnerabilità del settore agricolo ed in particolare zootecnico, di fronte a casi di inquinamento ambientale.” Garofalo ancora sottolinea:”Occorre trovare gli strumenti per ristabilire il principio del chi inquina paga, ed in questo caso a pagare non può essere certo l’azienda che ha subito l’inquinamento, ma o l’inquinatore o la collettività.” (10 maggio 2006-11:45)

 
· Inoltre Alimentare
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Alimentare:
FERRARELLE: L'ACQUA DI CASERTA TORNA IN MANI ITALIANE

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it