nCaserta Sette - informazione - news - attualitÓ - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualitÓ - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA, TRAFFICO RIFIUTI: CARABINIERI ARRESTANO DI NUOVO 'RE MIDA'

*Servizio di Pina Bruno*


Viterbo - Di nuovo in manette il 'Re Mida' dell'immondizia. A Viterbo le manette sono scattate, ancora una volta, per Luigi Cardiello, 62 anni, residente a Lucca, accusato di presunto traffico illecito dei rifiuti e l'inquinamento ambientale nella provincia di Viterbo. Cardiello, giÓ coinvolto nell'operazione 'Re Mida' e 'Cassiopea', quest'ultima della procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) risulta essere il gestore di una societÓ di intermediazione e recupero dei rifiuti. Fu sottoposto a misura cautelare nel novembre 2003 per i medesimi reati. Con il suo arresto, ad opera dei militari del Reparto Operativo - Sezione Operativa Centrale del Comando Carabinieri per la Tutela dell'Ambiente, che hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Viterbo Mautone, su richiesta dei pm, Franco Pacifici e Stefano D'Arma, salgono a 11 le persone oggetto di provvedimenti cautelari nell'ambito dell' "Operazione giro d'Italia: Ultima tappa Viterbo". Nel maggio scorso erano infatti stati sequestrati nel Viterbese tre siti non autorizzati dove venivano scaricati rifiuti speciali, pericolosi e non, costituiti da fanghi industriali, terre provenienti da bonifiche, scorie e ceneri di acciaieria e di termodistruttori, rifiuti sanitari a rischio infettivo ed erano stati eseguiti 10 provvedimenti cautelari personali (3 arresti in carcere, 5 arresti domiciliari e 2 obblighi di firma) per i reati di attivitÓ organizzata di traffico illecito, falso e gestione illecita di rifiuti. Cardiello, secondo le indagini, per il traffico nel viterbese era uno dei principali tasselli della organizzazione. Il suo compito, secondo l'accusa, era procacciare impianti compiacenti per il trattamento di rifiuti, che effettuassero la declassificazione fittizia dei rifiuti illecitamente gestiti: il cosiddetto "giro bolla" o "triangolazione", far transitare cioÚ i rifiuti solo cartolarmente da uno stoccaggio all'altro o da impianti di recupero e compostaggio con il fine di alterarne la tipologia, per aggirare le normative e per ovviare alla prescrizioni autorizzative dei siti ai quali i rifiuti erano in realtÓ destinati.(21 dicembre 2005-14:57)

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it