nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
E' DI PIGNATARO MAGGIORE (CASERTA) LA MAMMA DEI CINQUE GEMELLI


La moglie ha avuto un parto plurigemellare, i suoi 5 bambini stanno bene, ma lui non può festeggiare davvero perché è appena stato messo in cassa integrazione. A Roma, oggi, sono nati Pietro, Davide, Diego, Chistian e Sara, frutto di un raro parto dovuto alla stimolazione ovarica alla quale si era sottoposta Daniela Cercello, 30 anni di Caserta. Proprio mentre i cinque piccoli nascevano, il padre, Isidoro Fucile di 33 anni, ha saputo di essere stato messo in cassa integrazione. La coppia è originaria di Pignataro Maggiore (Caserta), ma la madre il 2 agosto scorso, a 25 settimane di gravidanza, era stata ricoverata all'ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma con alcune complicazioni: contrazioni uterina e ipertensione minacciavano un parto prematuro. I medici della divisione di Ostetricia e Ginecologia diretta dal professor Domenico Roselli avevano sottoposto la donna a terapia intensiva, per bloccare le contrazioni e far proseguire la gravidanza. Una volta che i bambini hanno raggiunto la maturità polmonare, i medici hanno deciso di farli nascere con parto cesareo, a 32 settimane e 2 giorni di gestazione. Dopo le 11 di questa mattina, Daniela Cercello è entrata in sala operatoria ed è stata sottoposta ad anestesia locale. Il parto è durato in tutto un'ora, senza problemi. I bambini pesano dai 720 ai 1650 grammi e sono adesso tutti e cinque in incubatrice: una misura precauzionale, perché stanno bene e solo uno di loro ha avuto bisogno di assistenza ventilatoria. "Tutti resteranno in incubatrice fino a quando non avranno raggiunto i due chilogrammi: saranno necessari 10-15 giorni per quello che pesa di più e forse un mese per il più piccolo", spiega il ginecologo Giulio De Matteis che ha eseguito il parto cesareo nell'ospedale romano. L'evento, straordinario anche per l'ospedale romano, che registra ogni anno circa 3.000 parti, ha creato un certo fermento anche tra medici e infermieri.(29 settembre 2005-23:20)

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it