nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
AMBIENTE, CASERTA: SITO S.MARIA LA FOSSA DISSEQUESTRATO IN TOTO


Il gip della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Marina Cimma, ha firmato l'ordinanza di dissequestro dell'area di stoccaggio per le ecoballe di Cdr, in località Pozzo Bianco a Santa Maria La Fossa, nel Casertano. Il sito è strategico per la Campania in quanto vi confluiscono tutte le ecoballe prodotte nei sette impianti per la produzione di Cdr, combustibile da rifiuti. Nei giorni scorsi i cassonetti sono rimasti stracolmi di rifiuti perché i sette impianti di Cdr non hanno funzionato, non avendo avuto la possibilità di smaltire le ecoballe prodotte. Ora, in seguito al dissequestro ma anche grazie agli accordi raggiunti ieri in Prefettura a Napoli, alla presenza del capo dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, del commissario straordinario di governo per l'emergenza rifiuti, Corrado Catenacci e del presidente della Provincia di Caserta De Franciscis, il sito resterà in funzione sicuramente almeno per 30 giorni: nel frattempo si metteranno a punto anche altre soluzioni. Già tre giorni fa lo stesso tribunale di Caserta aveva dissequestrato, per 7 giorni, l'area di stoccaggio ma esclusivamente per consentire le opere di adeguamento del sito destinato ad accogliere le ecoballe prodotte dai sette impianti di Cdr della Campania. Adesso il gip ha dissequestrato l'impianto, dopo le verifiche effettuate dal commissariato di Governo, dalla Procura e con i tecnici della Fibe. Il provvedimento della magistratura è stato notificato oggi dal legale rappresentante della società, l'avvocato Luigi Tuccillo, ai responsabili della Fibe, la società concessionaria per lo smaltimento. Dal commissariato di governo, per il momento, non arriva nessun commento alla decisione della Cimma. Di sicuro in questi giorni Catenacci si è speso presso la Procura con una serie di rassicurazioni e garanzie sull'impianto casertano. A quanto si apprende, comunque, starebbe per partire una massiccia azione per cominciare immediatamente a svuotare l'impianto di Cdr di Santa Maria Capua Vetere così che possa riprendere subito l'attività. Proprio il Casertano, infatti, era stato uno dei territori più penalizzati dalla riesplosione dell'emergenza rifiuti.

 
· Inoltre Ambiente
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Ambiente:
EMERGENZA RIFIUTI: I DANNI IN CAMPANIA DELLA GESTIONE BASSOLINO

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it