nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA: ESTORSIONI, ARRESTATI A CASSINO BOSS VENOSA E DIANA


Due esponenti del clan camorristico dei casalesi sono stati arrestati per estorsione, aggravata da metodo mafioso, ai danni di imprenditori edili dell'agro aversano. La squadra mobile di Frosinone, stamani, ha eseguito nei loro confronti l' ordinanza emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli, Anna Grillo, su richiesta dei pm Raffaele Cantone della DDA di Napoli e Catello Maresca. In carcere sono finiti Luigi Venosa, detto 'Gigino 'o cocchieré e Franco Diana, soprannominato 'o zingariello'. Una terza persona, destinataria dello stesso provvedimento, è ancora latitante. Le richieste di denaro sarebbero state rivolte agli imprenditori nell'ultimo periodo del 2003 e nei primi mesi del 2004. Venosa per richiedere il denaro agli imprenditori, non potendo risiedere i Campania, per divieto di dimora impostogli nell' ambito dell' inchiesta denominata 'Spartacus I', aveva preso casa a Cassino; conduceva un tenore di vita, agli occhi degli investigatori, troppo elevato per una persona senza abituale occupazione. Agli inquirenti, intanto, giungevano segnalazioni sulle estorsioni in corso: molti imprenditori hanno negato di aver ricevuto richieste in denaro e si è proceduto con indagini serrate, intercettazioni ambientali e telefoniche. Gli inquirenti hanno accertato che le richieste di denaro venivano presentate e pretese secondo gli importi dei lavori edili da eseguire. Sempre secondo le indagini, l'attività estorsiva era tanto fiorente da aver reso possibile la creazione di una rete di affiliati e fiancheggiatori: le estorsioni risalgono a diversi mesi fa e non si sono estese ulteriormente proprio a seguito del primo arresto di Venosa.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it