nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
SFRATTATATO DALLA VILLA BUNKER, LIGATO PER 17 ORE SU UNA BARELLA IN OSPEDALE


La villa bunker, prima sequestrata e poi confiscata, è passata allo Stato ma il boss, malato, non vuole lasciarla. Accade a Pignataro Maggiore dove ieri, per tutta la giornata, c'è stato un lungo braccio di ferro tra gli agenti della Questura di Caserta e Raffaele Ligato (pregiudicato ritenuto vicino alla cosca dei Papa-Lubrano). Nonostante fosse intrasportabile a causa di una emiparesi, nel tardo pomeriggio di ieri gli agenti non hanno potuto fare a meno di prelevare il boss dal letto e condurlo fino all'ospedale di Capua su un autombulanza della polizia. Al nosocomio, però, per ovvi motivi, non è stato accettato ma Ligato nemmeno ha voluto starci. Per 17 ore è stato su una barella in attesa che si decidesse la sua sorte, poi a mezzogiorno ha lasciato la struttura ospedaliera per ritornare a Pignataro dove ha trovato una sistemazione momentanea. Per l'avvocato Pietro Romano, difensore di Ligato, che sta meditando una denuncia per sequestro di persona "è stato compiuto un atto di forza senza nemmeno il supporto di un'ordinanza prefettizia". "Avevamo chiesto 48 ore per trovare un'altra sistemazione - riferisce il legale - ma non ce l'hanno volute concedere. Perlatro, Ligato non ha mai avuto cognizione dell'avviso notificato al comune di Pignataro per l'azione di sgombero". Lo sfratto (i familiari hanno comunque lasciato la casa) era stato predisposto per ufficializzare il passaggio della villa di via Del Conte allo Stato. Ligato si trova sotto processo per aver "preparato" il delitto di Franco Imposimato, il sindacalista fratello del magistrato Ferdinando.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 5
Voti: 1


Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it