nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA, MOZZARELLA A RISCHIO: NAS CHIUDONO CASEIFICI A C.VOLTURNO E GRICIGNANO


carabinieri del Nas di Napoli hanno svolto una serie di controlli in Campania focalizzando la loro attenzione investigativa su attività casearie, centri di imballaggio uova ed esercizi di vendita di prodotti ittici. In particolare i militari hanno accertato l'utilizzo, da parte di tre caseifici di Castelvolturno (Caserta), Gricignano d'Aversa (Caserta) e Brusciano (Napoli) , di latte di bufala e cagliata congelati e detenuti in confezioni prive delle prescritte indicazioni. Gli impianti, inoltre, presentavano gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali. Nella circostanza venivano sottoposti a sequestro 6000 chilogrammi di latte di bufala, due quintali di prodotti caseari e disposta la chiusura di tutte le attività interessate, affinché provvedano ai necessari adeguamenti. Sono stati inoltre denunciati all'autorità giudiziaria il titolare di un centro di imballaggio di Somma Vesuviana (Napoli) e due dipendenti della medesima attività i quali procedevano all'imballaggio di uova, commercializzate senza la prescritta documentazione di provenienza (resa obbligatorio dal 1 gennaio 2005 nel processo di rintracciabilità degli alimenti introddo dall'Unione Europea), apponendo sull'etichetta della confezione la data di produzione ed il termine minimo di conservazione posticipati. Nel corso delle operazioni sono state sequestrate confezioni per un totale di 130.000 uova. In un deposito all'ingrosso di prodotti ittici di Nola (Napoli) sono stati sequestrati 90 quintali di filetto di baccalà d'importazione non idoneo al consumo poiché le analisi di laboratorio effettuate su un campione hanno evidenziato la presenza di piombo. Il valore complessivo delle strutture sottoposte a chiusura e della merce sequestrata ammonta a 1.500.000 euro.

 
· Inoltre Alimentare
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Alimentare:
FERRARELLE: L'ACQUA DI CASERTA TORNA IN MANI ITALIANE

Punteggio medio: 3
Voti: 1


Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it