nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
TRAFFICO DI FARMACI ILLEGALI CON OK DELLA CAMORRA: 5 ARRESTI, ANCHE UNA DONNA

Caserta / Napoli, 24 settembre 2019 - Sono cinque gli arresti eseguiti questa mattina dai carabinieri di Aversa (Caserta) riconducibili ad presunto traffico illecito di farmaci in odore di camorra. Secondo la Procura antimafia di Napoli, gli indagati avrebbero organizzato un meccanismo finalizzato al reperimento fraudolento di medicinali di classe ‘A’ (ovvero farmaci essenziali e/o per malattie croniche, a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale) da destinare poi ad un commercio clandestino fuori dall’Italia. Arrestati Domenico Spenuso, di Grumo Nevano (Napoli); Salvatore Calvanico di Castellammare di Stabia (Napoli); Gianluigi Natale di Aversa (Caserta) e Raffaele Palumbo, di Villaricca (Napoli). Spenuso l’unico in carcere, mentre agli altri si trovano agli arresti domiciliari. Il gruppo sarebbe riuscito a entrare in possesso dei farmaci con due distinte modalità: da un lato il rastrellamento illecito di medicinali da numerose farmacie ubicate in Campania, Lazio e Lombardia, utilizzando le cosiddette ‘ricette rosse’ rubate da ospedali e studi medici; dall'altro la compilazione di prescrizioni mediche a nome di ignari professionisti accreditati presso i S.S.R., per la somministrazione di farmaci di classe ‘A’ (con totale esenzione di ticket) a favore di pazienti inesistenti o ignari; il recupero dei medicinali poi trasferiti all'estero tramite vettori compiacenti e in totale assenza di qualsiasi attenzione alla corretta modalità di conservazione dei prodotti, con grave pericolo per la salute delle persone. La maggior parte dei medicinali venivano poi esportati in Inghilterra e i pagamenti per il loro acquisto erano effettuati su carte postpay intestate agli indagati. L’indagine risale al 2017 e, secondo l’accusa, il gruppo avrebbe avuto l’autorizzazione a gestire il business da 600 mila euro direttamente da alcuni familiari del boss Bidognetti, detenuto da anni al 41 bis. Oltre agli arrestati figurano alcuni indagati tra cui una donna.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it