nCaserta Sette - informazione - news - attualitÓ - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualitÓ - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CRAC POLO DELLA QUALITA': INDAGATI 1 ARCHITETTO E 2 INGEGNERI (UNO EX SINDACO)

Marcianise / Napoli / Caserta, 7 gennaio 2013 (Casertasette) - Quattro arresti domiciliari (tra cui quello che vede destinatario Guglielmo Aprile, presidente del cda), due obblighi di dimora per altrettanti consiglieri e sedici persone indagate (quasi tutte di Napoli) oltre a due ingegneri (Pasquale Matronola, di Marcianise e Nicodemo Petteruti, di Caserta, ex sindaco del capoluogo) oltre a un architetto (Francesco De Cecio, di Capua). Sono le persone coinvolte nell'ambito del crac del Polo della QualitÓ di Marcianise, il centro del lusso, fallito qualche anno fa per una valanga di debiti e mai diventato operativo al cento per cento dopo una serie di eventi e manifestazioni tra cui l'inaugurazione con il presidente Giorgio Napolitano avvenuta nel 2007 insieme all'ex Governatore della Regione Campania Antonio Bassolino.
Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli e dal sostituto Maurizio Giordano, hanno consentito di accertare che il default della societÓ fallita ammonta a 120 milioni di euro e che, in maniera preordinata, per volontÓ di Guglielmo Aprile e di Francesco Di Gennaro, sia stata dapprima costituita una societÓ ad hoc (la Fnuyo srl) con lo scopo di acquistare i suoli su cui sarebbe stato edificato il complesso commerciale del Polo della QualitÓ. Nell'ambito di tale operazione immobiliare la Fnuyo sel provvedeva a corrispondere ad altra societÓ, controllata dallo stesso Guglielmo Aprire (la Spess spa, societÓ sviluppo sud) un prezzo di acquisto dei terreni di gran lunga superiore a quello versato in favore di altri venditori, consentendo, in sostanza, alla controparte di lucrare un profitto di 3 milioni di euro. Acquistata la proprietÓ dei fondi su cui erigere il complesso destinato all'attivitÓ industriale e commerciale, i componenti del consiglio di amministrazione del Polo della QualitÓ affidavano fittiziamente alla stessa Fnuyo l'appalto per la realizzazione dei lavori, prevedendo quale corrispettivo la somma di 90 milioni di euro. Le indagini hanno, per˛, dimostrato come nelle casse di tale societÓ siano confluiti pagamenti per 135 milioni di euro grazie anche al concorso dei direttori dei lavori nella liquidazione degli importi. Nonostante i maggiori importi corrisposti rispetto a quanto pattuito, la societÓ appaltatrice provvedeva, mediamente una simulata controversia, a farsi riconoscere, in sede di arbitrato risultato irrituale, un ulteriore maggiore importo di 17.848.412 euro. Al fine di favorire ulteriormente la societÓ appaltatrice e, quindi, lo stesso Guglielmo Aprile, suo dominus, i consiglieri del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ , nonostante il conclamato stato di decozione della S c a r l, realizzavano un'operazione di 'sale and leale back' dei beni immobili di uso comune, i cambio di un corrispettivo di 25 milioni di euro, in tal modo, realizzandosi, da un lato, pagamenti preferenziali a favore della societÓ, e, dall'altro, ponendo in essere condotte distruttive del ceto creditorio. Nel corso dell'operazione di questa mattina sono state perquisizione le abitazioni degli indagati e gli studi professionali.
Dopo il fallimento deciso dal tribunale di Napoli (giudice Raffaele Sdino) la societÓ Ŕ passata ai curatori: Avv. Prof.Michele Sandulli, Avv. Roberta Napolitano, Dott. Pasquale Menditto che hanno anche avviato alcune azioni legali e segnalato le operazioni, come prassi, alla procura. Tra gli indagati anche un beneventano, consigliere del Cda, di Colle Sannita e un dirigente di Mediocredito Centrale di Cremona. Decine i conti correnti accessi in diverse banche tra Caserta, Marcianise e Napoli dal Polo.

I nomi coinvolti:

Guglielmo Aprile, 60 anni di Napoli, presidente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Antonio Landolfi, 36 anni di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Renato Morelli, 85 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Alfredo Morelli, 49 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Gabriele Aprea, 54 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Giuseppe D'Errico, 50 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Raffaele Gallucci, 79 anni, di Aversa, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Biagio Scognamiglio, 75 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Giovanni Iasiello, 70 anni, Colle Sannita (Benevento), componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Vincenzo Varriale, 49 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Riccardo Romano, 45 anni, di Napoli, componente del consiglio di amministrazione del Polo della qualitÓ Francesco Pellone, 54 anni, di Napoli, consulente fiscale del Polo della QualitÓ Gennaro Ricci, 58 anni, di Napoli, direttore dei lavori appaltati del Polo della QualitÓ Nicodemo Petteruti, 74 anni, di Roccamonfina, direttore dei lavori appaltati da Polo della QualitÓ Francesco De Cecio, 68 anni, Capua, direttore dei lavori appaltati dal Polo della QualitÓ Pasquale Matronola, 53 anni, di Marcianise, direttore dei lavori appaltati dal Polo della QualitÓ Cesare Bertoli, 60 anni, di Napoli, amministratore di Fnuyo Michele Chianese, 55 anni, di Napoli, arbitro unico del lodo Polo della qualitÓ Fnuyo Giuseppe Di Gennaro, 66 anni, di Napoli, comproprietario di Fnuyo Francesco Di Gennaro, 58 anni, di Napoli, comproprietario di Fnuyo Antonio Copetti, 54 anni, di Napoli, procuratore speciale di Mediocredito Centrale Spa Ivan Rossi, 61 anni, di Montodine (Cremona), procuratore speciale di Mercantile Leasing spa

Follow Casertasette on Twitter

Parole correlate: Casertasette Caserta Sette Caserta cronaca giudiziaria Campania Napoli Benevento Avellino Salerno Fecondo centro campania outlet reggia processo aula politici terra dei fuochi

 
· Inoltre Giudiziaria
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Giudiziaria:
USURA VIP A CASERTA:RESTANO IN CARCERE IL GIOIELLIERE TRONCO E GLI IMPRENDITORI

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it