nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
FRATTAMAGGIORE (NAPOLI), MOSTRA D'ARTE 'SIAMO INNOCENTI' A FORUM FEMMINICIDIO

Frattamaggiore (Napoli), 1 dicembre 2013 (Casertasette) - Femminicidio e violenza sulle donne: se ne è discusso il primo dicembre scorso nell’aula consiliare di Frattamaggiore (Napoli). Il forum è stato organizzato dalle associazioni Moica e Donneuropee Federcasalinghe e dal "Progetto 1000 Criste", con il patrocinio del Comune di Frattamaggiore. All’incontro hanno partecipato il sindaco Francesco Russo, il consigliere comunale Orazio Capasso, tra i promotori dell’iniziativa, la presidente del Moica Silvana Interino, la presidente della Federcasalinghe, Susanna Scotti, i coordinatori del progetto «1000 Criste»: Michela Buonagura, Pina Candileno, Ludovico Carnile, Teresa Commone, Salvatore Pasovino, Enrica Romano ed Eva Schioppa; la presidente dell’associazione “Per noi donne”, Sabrina Capasso. «Una strage che solo dall’inizio dell’anno ha mietuto oltre un centinaio di vittime; noi vogliamo contribuire a rafforzare lo stop alla violenza sulle donne, un problema che solo di recente ha trovato il sostegno nella legge» ha spiegato Orazio Capasso, consigliere comunale. Della illustrazione della legge hanno trattato nei loro interventi l’avv. Sabrina Capasso e l’on.le Giovanna Palma, la quale ha posto all’attenzione soprattutto sulla necessità di strutture e specialisti, del coordinamento di tutte le forze presenti sul territorio per arginare il problema. Il Gruppo Progetto 1000 Criste ha evidenziato il valore della cultura e di un'educazione permanente contro gli stereotipi di genere, contro l'uso di un linguaggio sessista che si tramandano di generazione in generazione, perpetrando un'idea errata dell'essere uomo, dell'essere donna; Il gruppo “Progetto 1000 Criste” vuole farsi portatore del valore catartico dell’arte attraverso il quale è possibile “togliere i chiodi” alle crocifisse della storia e della cronaca. La dott.ssa Romano ha presentato il gruppo “Progetto 1000 Criste” che ha accolto donne e uomini di ogni parte d’Italia in seguito alla pubblicazione su fb della sua lirica “1000 Criste”. La prof.ssa Buonagura ha declamato i versi in vernacolo della lirica “Io conto ‘e passe”, motivando la scelta della lingua napoletana per il legame con la nostra terra così martoriata, violata, come una bella donna stuprata; la prof.ssa Commone ha fatto proiettare la videopoesia realizzata dagli allievi della IV B dell’I.T.C. “A: Gallo” Orta di Atella su versi da lei composti; la dott.ssa Eva Schioppa ha sottolineato il valore universale dell’arte come stimolo a risorgere, a risollevarsi dalle macerie dell’anima e del corpo attraverso la testimonianza dell’artista Artemisia. Il dott. Carnile ha chiarito le problematiche che possono spingere alla violenza e i percorsi per la ricostruzione e il recupero dell’anima delle donne offese. L’attrice frattese Felicia Del Prete, ha declamato brani di testimonianze di donne, violate nel corpo e nell’anima, che hanno sentito l’urgenza di socializzare il dolore nel Gruppo “Progetto 1000 Criste”. La manifestazione ha visto la presentazione di un vernissage degli artisti Pina Candileno (pittura), Salvatore Pasovino D’Ambrosio (pittura e fotografia), Stefania Miro (scultura), Giovanna Schioppa (costumista), Valentina Mozzillo (fotografia). Solo attraverso la diffusione di una cultura del rispetto, attraverso dei percorsi educativi di consapevolezza nelle scuole, mediante l'organizzazione di eventi artistici tenuti in tutt'Italia, è possibile promuovere una modalità sana di relazione tra i generi e arginare l'assurdo fenomeno del femminicidio.


Follow Casertasette on Twitter

Parole correlate: Casertasette Caserta Sette Caserta cronaca Campania Napoli Benevento Avellino Salerno attualità cultura vernissage reati donne stalking stalker

 
· Inoltre Cittadini e Giustizia
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cittadini e Giustizia:
CASERTA: POLEMICHE SU SMS ANTI-BERLUSCONI INVIATO DA DI PM S.MARIA C.V.

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it