nCaserta Sette - informazione - news - attualitÓ - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualitÓ - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
FAIDA CLAN, 7 ARRESTI PER CAMORRA A CASAL DI PRINCIPE: I RETROSCENA


CASAL DI PRINCIPE (Caserta), 20 ottobre 2011 (Casertasette) - I destinatari delle sette ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di Napoli su richiesta della Dda ed eseguite dai carabinieri di Casal di Principe, sono 4 affiliati alla fazione dei Casalesi, capeggiata da uno dei capi storici del clan, Francesco Bidognetti detto 'Ciocciotte e mezanotte', e a quella dei "Tavoletta-Ucciero". L'episodio che ha determinato il provvedimento della magistratura napoletana, uno dei tanti che hanno contrassegnato l'antagonismo tra le due organizzazioni, risale all'ottobre 2007 quando tre degli indagati, Vincenzo Ucciero e Antonio Schiavone e Giuseppe Mione, tentarono di imporre al titolare di una fabbrica di fuochi d'artificio di Villa Literno il pagamento di una tangente e lo sconto di titoli di credito. Secondo le risultanze delle indagini dei carabinieri e della Dda, basate anche sui riscontri di tre collaboratori di giustizia, l'estorsione non and˛ a buon fine per l'intervento a favore del "fuochista" di affiliati dell'altra fazione. La reazione dei 'bidognettiani' che, ormai da anni con continui agguati, hanno sempre tentato di imporre la loro supremazia nel controllo soprattutto delle estorsioni in una vasta zona compresa tra Villa Literno e parte del litorale domiziano, non si fece attendere. In un agguato alla periferia di Villa Literno, Antonio Schiavone, che non ha vincoli di parentela con uno dei capi storici dei Casalesi, e Giuseppe Mione, ritenuti gli esecutori materiali del tentativo di estorsione, furono colpiti da numerosi colpi di kalashnikov e di pistola di grosso calibro in un agguato teso loro alla periferia di Villa Literno. I provvedimenti restrittivi emessi dalla magistratura napoletana sono stati eseguiti nei confronti di Massimo Alfierio, 39 anni, Nicola Di Domenico, 37 anni, Antonio Di Tella, 36 anni, Vincenzo Letizia, 25 anni, Antonio Schiavone, 21 anni, Giuseppe Mione, 28 anni e Vincenzo Ucciero, 42 anni.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it