nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA, MALE INCURABILE: DECEDUTO ESPONENTE CASALESI, VINCENZO SCHIAVONE


CASERTA, 18 OTTOBRE 2011 (Casertasette) - È morto la scorsa notte nella sua casa di San Cipriano d'Aversa (Caserta) il boss della camorra casalese Vincenzo Schiavone detto «o Copertonè. Il camorrista era malato da molto tempo. Arrivato alla fine dei suoi giorni la magistratura gli ha concesso di morire tra le mura di casa. Fino a pochi giorni prima si trovava in stato di arresto prima in un ospedale cagliaritano e successivamente in un ospedale di Napoli. Le scorso 25 aprile Vincenzo Schiavone, latitante da tempo era stato arrestato mentre si trovava in una clinica situata nell'avellinese. casertasette
Schiavone, accusato di associazione camorristica ed estorsione e mai di fatti di sangue (come riferisce oggi erroneamente un'agenzia stampa) lo scorso agosto fu trasferito dal carcere di Secondigliano di Napoli a quello di Cagliari dove esiste un centro che era ritenuto idoneo per il suo caso. A causa del caso clinico rivelatosi più grave del previsto, il collegio giudicante del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (presidente Luigi Picardi) ritenne di accogliere le argomentazioni difensive dell’avvocato Mauro Iodice disponendo il trasferimento del detenuto in una clinica, per incompatibilità dello stesso con il regime carcerario. Decisione presa anche sulla base di diverse consulenze mediche e perizie da parte di specialisti nominati dai giudici proprio per la esatta verifica delle sue condizioni di salute e della loro compatibilità col regime detentivo. Le accuse ipotizzate dagli inquirenti, al vaglio del processo di primo grado in corso davanti ai giudici sammaritani, partono dal sequestro di un personal computer nella disponibilità di Schiavone: gli investigatori rinvennero una sorta di «pizzino elettronico» con annotazioni sulla gestione della cassa del clan che «Cupertone» inviava periodicamente a Nicola Panaro, boss latitante, per aggiornarlo sul flusso economico della cosca. Schiavone non era mai stato giudicato ed attendeva la conclusione del processo di primo grado. I funerali si terranno oggi pomeriggio alle 17 nella chiesta Santo Spirito di piazza Villa a Casal di Principe Il questore di Caserta Guido Longo sta valutando la possibilita' di disporre un servizio di sicurezza durante il corteo funebre.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it