nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
MUSICA E SPETTACOLI: FRANCO RICCIARDI PARLA DEL SUO NUOVO CD, ZOOM


CASERTA, 30 MAGGIO 2011 (di Serena Li Calzi) - «Tutti mi chiedono quale siano state le influenze di questo disco, mi piace pensare che la notte sia una di quelle come il silenzio di una città che dorme. L’aria che cambia, come le stagioni e le persone che incontri. Questo disco è figlio di tanti incontri. Due anni scorrono veloci e a volte la musica lascia che il tempo non ti pesi. Riesci a dimenticare tutto. Entrare in studio vuol dire mettere a nudo il proprio mondo. Questo disco è nudo, essenziale, questo disco lascia che tutte le dinamiche che mi circondano siano esposte. Questo è un disco che racconta le mie giornate, per quanto diverse possano essere, rimangono mie».

Queste le parole chiave del nuovo album di Franco Ricciardi “ZOOM”, in uscita il 10 maggio. Un misto di elementi musicali che accontenta una fetta di pubblico molto vasta, da suoni elettronici all’house. Non manca l’influenza rap ed hip hop dell’anticipato singolo “STAND BY” che accende gli anima, in collaborazione con i “COSANG”.

“In questo album-spiega Ricciardi- è la cultura di strada la protagonista. La periferia, le contraddizioni di questa città, con tutti i suoi eccessi, è racchiusa in ZOOM che ne fa da porta voce. Ho lavorato ad un’insieme di suoni con contaminazioni etniche miste alla cultura napoletana. Un album ricco di collaborazioni “giovani”: da IVAN GRANATINO, che mi affianca in molte tracce, all’emergente voce di MARSICA che muove i primi passi nel campo musicale fin da piccola, definita, attualmente, una delle voci campane più belle, destinata ad emergere. La vera sorpresa di questo album è la collaborazione di THIEUF, di origini africane, è lui a dare quel tocco di cultura etno ed internazionale nel pezzo che farà saltare tutti i giovani a tempo di house con “TE LA CANTERO’”.

Questo album- continua Ricciardi- è eccesso. La mia è una sfida, spesso anche una provocazione, perché la mia città non è solo “munnezza” e “scippi”, ma mare, sole, è energia, cultura, storia. Siamo un popolo ferito, che del proprio dolore ne fa un racconto, ed io mi avvalgo di tanti giovani, per essere un portavoce di emozioni, dell’insofferenza di questi ragazzi che non sanno cosa fare del loro futuro, come nel singolo “Stand by”. Ma racconto anche di amori leggeri come per “BANDITA” che porta una freschezza estiva e farà cantare tutti i giovani. Eppure la canzone che più rappresenta quello che voglio intendere come “eccesso” è “LA MANO DE DIOS”.Qui parlo di Diego, non del Maradona che ha fatto grande il Napoli, ma le debolezze dell’uomo che si lascia sprofondare da un successo che lo annienta-.

“ZOOM” è in alcuni tratti una botta allo stomaco, in altri romanticismo allo stato puro, altri ancora “spacca” tanto da farti saltare. In occasione della promozione dell’album, Franco Ricciardi si è esibito venerdì 27 maggio, a Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Ad attenderlo tantissima gente, accompagnato dall’energia di Ivan Granatino che sul palco è pura energia. Ricciardi è accompagnato da importanti musicisti che potrebbero vincere il nobel come non protagonisti, per il loro ruolo fondamentale: Rosario Castagnola, Carmine De rosa, Enzo Fonicello, Mario Pirolla, Lino Periota, Sarah Tartuffo, Danilo Turco.

Si spengono le luci, il concerto ha inizio, ed appena due settimane dall’uscita dell’album, sono tutti a cantare e saltare. Il boom è con il singolo “A’ MEZZANOTTE” e prosegue con pezzi nuovi e vecchi. Sul palco c’è tanto colore. La Tartuffo è eccentrica alle tastiere con delle piume fuxia che le circondano il capo. Anche gli altri musicisti hanno uno stile da Bad boy che richiama alla strada. Granatino è coloratissimo nelle sue felpe e così anche Ricciardi, con il suo look “urban” racchiudono al meglio ciò che vuole essere il loro messaggio: mettere in evidenza la crudezza di una realtà che a volte non ti permette di uscire se non “urlando”.L ‘intento di non essere eleganti, di far storcere il naso divenendo anche grotteschi. Per giungere dai “quartieri” crudi della città fino ad arrivare alle vie eleganti del centro.

 
· Inoltre Musica
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Musica:
MUSICA: AL KEATON'S DI CAPUA KERMESSE DEI CONTEMPORARY DRUMMING

Punteggio medio: 5
Voti: 4


Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it