nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Dischi Introvabili
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CITTA' DELLA SCIENZA: GIORNATA SUL MERAVIGLIOSO MONDO DELLE API


CAMPANIA, NAPOLI, APRILE 2011 (Casertasette)- Il mondo delle api rappresenta uno dei primi esempi di società animale: la loro organizzazione è perfetta; ogni ape – sia essa regina, operaia o fuco – è parte integrante di un unico organismo, l’alveare. Eppure, ciascun individuo dell’alveare ha una propria funzione distinta ed esclusiva. Ogni alveare ha la sua ape regina, unica femmina fertile con funzione riproduttiva per tutto il gruppo; c’è poi un gruppo numeroso di api operaie dedite alla costruzione e manutenzione delle celle dell’alveare, le api imbottinatrici, il cui compito è quello di procurare il cibo, ed infine i fuchi – i maschi – dalla vita breve e dedicata esclusivamente alla riproduzione. Alla base di tanta efficienza vi è un particolare sistema di comunicazione: le api, infatti, usano un linguaggio molto originale e si scambiano informazioni attraverso delle danze. Con esse le api riescono a indicare alle consorelle dove trovare il cibo, specificando la direzione, la distanza e la qualità del nettare. Con la danza dell’addome ad esempio indicano fonti di cibo lontane dall’alveare (oltre 100 metri); con quella circolare, invece, la presenza di nutrimento nelle immediate vicinanze. La scoperta della danza delle api valse il premio Nobel al medico e zoologo austriaco Karl von Frish, che per primo comprese l’esistenza di un sistema di comunicazione tra le api estremamente potente e preciso. Oggigiorno le ” danze” e i loro aspetti funzionali sono ben noti, ma esse non rappresentano gli unici mediatori di informazioni. La scoperta di particolari sostanze odorose, i feromoni, quale ulteriore strumento di comunicazione ha contribuito notevolmente a spiegare la complessità dei fenomeni dell’alveare. Sono state individuate almeno 36 sostanze diverse in grado di svolgere, coordinare e regolare nello spazio e nel tempo tutte le attività nel migliore dei modi, senza sprechi e senza confusione. Di questo e di altro si è palrato, al Science Centre di Città della Scienza, domenica 3 aprile. Per l’occasione la Fondazione Idis ha proposto, ai suoi visitatori, incontri con esperti, laboratori per bambini e visite guidate alla mostra “Un insetto per amico” per indagare e conoscere il complesso mondo delle api. In particolare, la dottoressa Sabrina Carbone, dello Sportello SOS-Api, in collaborazione con il settore SIRCA dell’Assessorato all’Agricoltura, ha raccontato della “società delle api” e successivamente si sono potuti degustare diversi tipi di miele e valutato lo stato fisico, il colore, l’odore, il sapore: è stato necessario, quindi, mettere in moto tutti i sensi per poter apprezzare al meglio questo prodotto dell’apis mellifica che, attraverso un enzima specifico, trasforma il nettare dei fiori nella dolce sostanza apprezzata sin dall’antichità – non solo come dolcificante naturale, ma anche come vero e proprio alimento – e capace di indurre effetti benefici sulla salute dell’uomo grazie ai suoi componenti nutrizionali. Nel laboratorio di riuso dell’Officina dei Piccoli, invece, i visitatori più piccini potranno mettere alla prova le proprie capacità manuali e progettuali per una rivisitazione creativa di oggetti comuni apparentemente di scarto, e realizzare un piccolo ecosistema così da comprendere l’importanza e la funzione di ciascun insetto. Infine i bambini potranno riprodurre api in divertenti pop-up di carta o con colori e pennelli nel laboratorio di pittura creativa.

Info
www.cittadellascienza.it Prenotazioni Contact Centre: 081. 24 200 24 contactcentre@cittadellascienza.it

 
· Inoltre Scienza
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Scienza:
AEROSPAZIO E SICUREZZA: CONCLUSO AL CIRA DI CAPUA MASTER "SMART"

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it