nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CAMORRA, CLAN CASALESI: CARCERE DURO IN SARDEGNA PER BOSS IOVINE


CASERTA, 19 NOVEMBRE 2010 - Casertasette - Il boss dei Casalesi Antonio Iovine, catturato mercoledì scorso dopo una latitanza durata oltre 14 anni, sarà detenuto in regime di carcere duro. Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha oggi firmato il decreto per applicare il 41-bis nei confronti di Iovine. Presto dunque l'ex primula rossa del clan sarà trasferito nel carcere nuorese di Badu 'e Carros. I primi giorni di prigionia il capoclan li ha trascorsi nel penitenziario napoletano di Secondigliano, dove gli investigatori lo hanno incontrato. Iovine e' apparso calmo e ha spiegato di essere preoccupato per i figli, tutti studenti, uno dei quali ha problemi di salute. Le indagini della squadra mobile, coordinate dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia partenopea, continuano soprattutto per scoprire le complicità che hanno garantito a Iovine la lunga latitanza. In attesa di conoscere il contenuto dei file custoditi nei computer sequestrati mercoledì nella villetta di Casal di Principe dove "il Ninno" veniva nascosto, ci si concentra sul contenuto dei "pizzini" trovati nel corso della perquisizione. Sui biglietti vi sono indicazioni di nomi e date, e si ipotizza pertanto che si riferiscano ad appuntamenti ai quali Iovine si sarebbe dovuto recare. L'obiettivo degli investigatori è di individuare i contatti di Iovine e i fiancheggiatori che lo hanno aiutato durante la latitanza ma anche di acquisire nuovi elementi sugli affari gestiti dal clan. Forze dell'ordine e magistrati antimafia sperano inoltre che il "terremoto" provocato dalla sua cattura indebolisca ulteriormente il clan dei Casalesi e consenta alle forze dell'ordine di mettere a segno altri importanti colpi. Gli inquirenti puntano soprattutto alla cattura dell'altro boss dei Casalesi, Michele Zagaria. Iovine e Zagaria, dopo la cattura negli anni scorsi di Francesco Schiavone detto Sandokan e gli arresti che hanno scompaginato il gruppo di Francesco Bidognetti, soprannominato Cicciotto 'e Mezzanotte, si sono insediati al vertice dell'organizzazione. Oggi intanto il gip di Santa Maria Capua Vetere ha convalidato il fermo ed emesso una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Marco Borrata, il muratore incensurato che ospitava Iovine. L'uomo, a quanto si é appreso, si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it