nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA: CRONACA, ATTUALITA', POLITICA. LE NOTIZIE DELLE ULTIME 24 ORE


CAMORRA: CASALESI; ARRESTATO IL COGNATO DI WALTER SCHIAVONE

CASERTA, 7 OTTOBRE 2010 - Agenti della squadra mobile di Caserta e di Latina hanno arrestato, con l'accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, Michele Coppola, di 46 anni, originario di Casal di Principe ma residente a Latina, ritenuto legato al clan dei Casalesi. L'uomo, cognato di Walter Schiavone, fratello di Francesco detto 'Sandokan' - quest'ultimo uno dei capi storici della cosca e ritenuto ancora al vertice di una delle fazioni dell'organizzazione - è accusato in particolare di avere chiesto 30 mila euro per essersi adoperato a recuperare un residuo credito di 50 mila vantato da un imprenditore edile di Grazzanise per la vendita di un villino. Coppola, secondo le risultanze delle indagini della Squadra Mobile di Caserta, ha minacciato il debitore per indurlo ad onorare il debito, e quando ha saputo che l'acquirente del villino aveva pagato quanto dovuto all'imprenditore, ha minacciato quest'ultimo pretendendo da questi 30 mila euro per "il disturbo ed il tempo perduto". L'arrestato fu destinatario nel dicembre scorso di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda e conclusione di indagini della Squadra Mobile di Caserta ma il provvedimento fu annullato dal Tribunale del Riesame. La decisione fu impugnata dalla Procura Antimafia che propose motivato ricorso per Cassazione, accolto con rinvio al Tribunale di Napoli che ha emesso oggi una nuova misura restrittiva.

BASKET: PEPSI JUVECASERTA TAGLIA IL PIVOT OYEDEJI

CASERTA, 7 OTTOBRE 2010 - La Pepsi Juvecaserta ha tagliato il pivot anglo-nigeriano Olumide Oyedeji. "Abbiamo speso tempo ed energie - ha spiegato il presidente Caputo - per creare un sistema di gioco e di organizzazione nel quale ogni elemento del nostro club deve identificarsi ed immedesimarsi. Questo vale per i nostri collaboratori, tecnici e non, ma ancor più per i nostri giocatori. Purtroppo, Oyedeji non è riuscito ad integrarsi in questo sistema e, perciò, anche se a malincuore, pur convinti delle sue indubbie qualità tecniche, abbiamo assunto la decisione di interrompere il nostro rapporto". Il ds Antonello Riva, secondo quanto si è appreso, é già da giorni alla ricerca di un nuovo centro per completare il roster in vista dell'inizio del campionato.

PROVINCE:CASERTA,PROPOSTA PIANO TERRITORIALE COORDINAMENTO

CASERTA, 7 OTTOBRE 2010- La "proposta di Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale", approvata con delibera del Commissario Straordinario il 9 febbraio scorso, sarà presentata ai giornalisti domani pomeriggio nella sala giunta dell'Ente. Il Ptcp - che sarà pubblicato il prossimo 18 ottobre - è lo strumento fondamentale di coordinamento e di programmazione, rappresenta il principale momento di ascolto e di governo a disposizione della comunità provinciale e delinea gli obiettivi e gli elementi fondamentali dell'assetto del territorio provinciale, in coerenza con gli indirizzi per lo sviluppo socio-economico e con riguardo alle prevalenti vocazioni, alle sue caratteristiche geologiche, paesaggistiche e ambientali; individua, poi, il sistema insediativo, fissa gli indirizzi per lo sviluppo dei centri urbani e delle aree produttive. In sostanza detta la disciplina per la più corretta gestione del territorio e rappresenta un autentico punto di riferimento per i Comuni per la redazione dei Puc (gli ex piani regolatori). All'incontro con i giornalisti parteciperanno, tra gli altri il presidente della Provincia, Domenico Zinzi e l'assessore all'urbanistica, Giovanni Mancino.

LAVORO: CEMENTIR INCONTRA SINDACATI A MADDALONI

NAPOLI, 7 OTTOBRE 2010 - Si è svolto oggi a Caserta l'incontro fra i rappresentanti Cementir Italia ed i sindacati territoriali di categoria sulle prospettive dello stabilimento di Maddaloni. Cementir ha illustrato le criticità derivanti dall'andamento negativo del comparto delle costruzioni e del settore cemento e ha quindi presentato un piano per il ricorso alla cassa integrazione ordinaria a partire dal 1° novembre prossimo sul quale auspica di trovare un accordo con le rappresentanze sindacali.

ESTORSIONE A IMPRENDITORE, ARRESTATO UOMO CLAN SCHIAVONE

LATINA, 7 OTTOBRE 2010 - E' stato rintracciato e arrestato a Latina Michele Coppola, 46 anni, di Casal di Principe, da anni residente nel capoluogo pontino e legato al clan Schiavone con il soprannome di 'Zi Michele'. L'operazione, condotta all'alba dalla squadra mobile di Latina in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Napoli. Coppola fu arrestato per estorsione aggravata da metodo mafioso il 26 novembre del 2009 insieme a Paolo Gallo, anche lui residente a Latina, ma dopo pochi giorni il tribunale annullò l'arresto rimettendo entrambi in libertà. Contro il provvedimento la Dda di Napoli ha presentato ricorso ottenendo l'accoglimento della Corte di Cassazione. Il tribunale di Napoli ha quindi emesso una nuova ordinanza cautelare che ha consentito il nuovo arresto. Le vittime dell'estorsione erano un imprenditore edile originario di Caserta, ma residente in provincia di Venezia, e un altro imprenditore di Viterbo. Dalle indagini è emerso che Coppola e Gallo agivano come dirigenti del clan camorristico del casalesi, inseriti organicamente nella struttura ai livelli massimi di potere decisionale. Le richieste estorsive ai danni dell'imprenditore di Venezia avevano raggiunto i 30.000 euro, da pagare in rate da 5.000.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it