nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASO FIAT, MARCHIONNE SU SINDACATI: SCIOPERI PER VEDERE NAZIONALE


POMIGLIANO D'ARCO (Napoli) / TORINO, 18 GIUGNO 2010 - "Vogliamo ammazzare l'industria italiana? Ditemelo, lo facciamo. Sono disposto a fare quello che vogliono gli altri. L'Italia non avrà un futuro manifatturiero, l'industria non esisterà più". E' arrabbiato Sergio Marchionne per la piega presa dalla vicenda Pomigliano, "un accordo che doveva essere estremamente semplice" e usa toni polemici, duri. A Mirafiori gli operai scioperano contro l'accordo separato e la Fiom continua a definire il referendum "un ricatto". L'amministratore delegato della Fiat ce l'ha con i sindacati. "Smettiamola di prenderci per i fondelli. Lunedì a Termini Imerese si è scioperato solo perché giocava la Nazionale. E così si fa a Pomigliano e in tutti gli stabilimenti italiani", afferma. E, quanto alla Fiom, "parliamo di due mondi diversi, non è la Fiat che gestiamo noi, la Fiat che esiste. E' un discorso completamente sballato. E' una questione di atteggiamento". Marchionne dice anche che la Panda in Polonia "é stata prodotta bene, a un livello di qualità mai raggiunto in uno stabilimento italiano". E a Cofferati che lo paragona a Cesare Romiti, replica: "non lo conoscevo, può darsi che avesse ragione lui". Dal referendum del 22 giugno, Marchionne si aspetta un risultato positivo con "una percentuale tale da permettere di poter utilizzare lo stabilimento". "Martedì sarà un giorno importante", dice anche il presidente della Fiat, John Elkann, e in "un esito positivo" confida la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia che auspica "un ripensamento della Fiom". Sul referendum resta alta la tensione tra i sindacati. "Purtroppo - afferma il leader della Fiom, Maurizio Landini - non c'é alcuna trattativa. E' la Fiat che deve ripensarci e il referendum è del tutto illegittimo almeno per due motivi: il primo è che si mette in discussione una violazione della Costituzione, il secondo è che non è libero. Noi non diamo alcuna indicazione di voto e non vogliamo che gli operai di Pomigliano diventino degli eroi, perché sappiamo come è la situazione quando uno è sotto ricatto". "Dobbiamo anche in questo caso prendere atto - commenta il presidente di Federmeccanica, Pier Luigi Ceccardi - della scelta nichilista della Fiom, che in nome di 'sacri principi' peraltro non violati, cancella senza batter ciglio 15 mila posti di lavoro". Ce l'ha con la Fiom anche lo Slai Cobas che si asterrà dal voto: "E' come dire a un commerciante di pagare il pizzo, perché altrimenti la camorra lo uccide", dice Vittorio Granillo, del coordinamento nazionale. E attacca i metalmeccanici Cgil il sindaco di Pomigliano, Raffaele Russo che auspica una larga maggioranza favorevole. Sul fronte politico il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, afferma che "bisogna arrivare assolutamente ad un accordo", mentre il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, ribadisce il suo "sì con riserva" chiedendo, però, che questa vertenza non sia "ideologizzata o portata a modello da trasferire in tutto il Paese". L'accordo sottoscritto per lo stabilimento di Pomigliano d'Arco, ribadisce il ministro del lavoro, Maurizio Sacconi, "é uno straordinario punto di riferimento per le relazioni sindacali-industriali".

 
· Inoltre
· News di redazione


Articolo più letto relativo a :
MATRIX, MENTANA PENSA A CHI NON HA LAVORO: OPERAI FINMEK SOBBALZANO DAVANTI A TV

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it