nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA, CAMORRA. AL LATITANTE PIACEVA ANDARE IN DISCOTECA


CASERTA, 26 SETTEMBRE 2009 - Un latitante del clan dei casalesi, Antonio Aquilone, di 25 anni, è stato arrestato da agenti della Questura di Caserta, mentre entrava, insieme ad alcuni amici, in una discoteca di Villa Literno (caserta). L'uomo era destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di S. Maria Capua Vetere, perché accusato di estorsioni e rapine e dal Tribunale di Modena, perché ritenuto responsabile di associazione per delinquere di tipo mafioso. I due provvedimenti furono emessi nel settembre dello scorso anno, ma Aquilone, ritenuto elemento di spicco della fazione dei casalesi, ancora capeggiata da Francesco Schiavone, detto "Sandokan", trovando nascondigli sicuri sia nel casertano e sia in provincia di Modena è riuscito sempre a sottrarsi alla cattura. L'arrestato è stato per molto tempo l'uomo di fiducia di Raffaele Diana, detto "Rafilotto". La presenza di Aquilone nel casertano era stata segnalata dal qualche tempo. Così pedinamenti ed appostamenti che hanno dato i loro frutti la notte scorsa. E' accusato di aver curato a Modena gli interessi del proprio clan camorristico, in particolare nella bisca clandestina di via Borelli, il casalese arrestato ieri sera a Casapenna (Caserta), Antonio Aquilone, 25 anni. L'uomo era stato individuato quale affiliato del clan dei Casalesi dal nucleo investigativo del comando provinciale carabinieri di Modena, che nei mesi scorsi ha portato a termine l'operazione 'Yanez'. Il giovane è accusato di estorsione aggravata, rapina e associazione mafiosa ed è considerato l'alfiere del boss Raffaele Diana. Dal 15 luglio Aquilone era latitante, dopo che erano scattate in varie province italiane le ordinanze di custodia cautelare per i componenti del gruppo. Il venticinquenne è incappato in un controllo da parte degli agenti del posto di polizia locale a Villa Literno ed è stato arrestato.

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it