nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
MEDICINA, EX ASL CE 2: A CASTELVOLTURNO SI PARLA DI MALATI DI MENTE AFRICANI


CASTELVOLTURNO, 25 giugno 2009 - La riabilitazione psichica in africa Centrale sarà al centro di un convegno organizzato dal dipartimento di salute mentale della ex Asl Caserta 2, in programma domani, venerdì 26 giugno alle 10 al Centro Fernandes di Castel Volturno. La giornata di studio - 'Salute mentale: esperienze di cura e riabilitazione nell'Africa centrale" - sarà introdotta dalla direttrice del dipartimento Tiziana Celani, e moderata dallo psichiatra Giuseppe Ortano, e dallo psicologo Arturo Letizia. Al centro dell'incontro, l'opera di Gregoire Ahongbonon, premio internazionale 1998 Franco Basaglia e medaglia d'oro 2006 per il premio internazionale Marcello Candia, promosso dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo la relazione introduttiva di Valerio Petrarca, antropologo, ricercatore e autore del libro 'I pazzi di Gregoire' sarà lo stesso Ahongbonon a raccontare la propria esperienza quale fondatore di centri di aiuto per malati psichici. Originario del Benin, cristiano, nel 1983 Gregoire avvia a Bouaké (Costa d'Avorio), un gruppo di carità per i malati psichici bisognosi di cure: si tratta dell'associazione San Camillo, ancora oggi attiva. Dai malati di strada, Gregoire passa in seguito ad occuparsi degli 'introncati': uomini e donne legati, inceppati, nascosti per vergogna negli angoli più reconditi delle case, dove vengono così mantenuti per anni, per consentire ai parenti, con la intenzione e la preghiera, di scacciare gli spiriti maligni che li hanno invasi. Sarà a favore di questi ultimi che Gregoire inizia la sua battaglia, per liberare gli ammalati, raccoglierli in centri, riabilitarli in luoghi di lavoro ed infine riaccompagnarli, guariti, al villaggio. Attualmente l'opera dell'associazione 'San Camillo' è sostenuta in Italia dall'associazione 'Jobel' di San Vito Al Torre (Udine) e dal consorzio di cooperative sociali 'Il Mosaico', che a loro volta hanno preso contatto anche con altre onlus in Canada, Francia, Spagna e Svizzera. Inoltre in Benin, paese di origine di Gregoire, nel gennaio 2004, è stato aperto il primo Centro di accoglienza.

 
· Inoltre Medicina
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Medicina:
CASERTA, LEGGE ANTIFUMO: SCATTA LA MEZZANOTTE E ARRIVANO GLI SMOKEBUSTERS

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it