nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CAMORRA: CHIESTI TRE ERGASTOLI PER OMICIDIO AVVENUTO 11 ANNI FA


Ventotto anni di pena e tre ergastoli: è stata questa la richiesta del pm antimafia Raffaele Cantone al termine della sua requisitoria al processo riguardante l’omicidio di Castrese Di Tora, un pregiudicato ucciso in un bar a Sessa Aurunca nel marzo di undici anni fa nell’ambito di una faida fra il clan dei casalesi e quello dei «Chiusovi-La Torre» di Mondragone. Destinatari delle richieste di condanna all’ergastolo sono stati Mario Santoro, Giuseppe Della Medaglia e Giovanni Esposito (latitante) ritenuti autori dell’agguato, mentre per Ottavio Ciccariello la Pubblica Accusa ha chiesto 28 anni di reclusione. Il processo, che si sta celebrando davanti ai giudici della prima sezione della Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere (presidente Oscar Bobbio), è nato dalle dichiarazioni di uno degli ultimi collaboratori di giustizia, Gianfranco Mancaniello. Le rivelazioni del pentito fecero scattare, nel 2002, cinque ordinanze cautelari che raggiunsero lo stesso Mancanielloo già condannato con rito abbreviato davanti al gup di Napoli. L’omicidio, stando alle fonti accusatorie, sarebbe stato commesso dopo un tentato omicidio eseguito nei confronti di due esponenti del clan La Torre. Nel corso del dibattimento sono stati sentiti altri collaboratori di giustizia: fra questi Stefano Piccirillo e Mario Sperlongano ex esponenti del clan del litorale domizio.

 
· Inoltre
· News di redazione


Articolo più letto relativo a :
MATRIX, MENTANA PENSA A CHI NON HA LAVORO: OPERAI FINMEK SOBBALZANO DAVANTI A TV

Punteggio medio: 0
Voti: 0

Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it