nCaserta Sette - informazione - news - attualità - cronaca - sport - turismo - musica e arte - reggia di caserta - giornalisti - giornalismop - attualità - omicidi - rapine - storia di caserta - per caserta - in caserta - con caserta


Privacy Policy / Cookies


IL TG ON LINE E' OFFERTO DA


GUARDA QUI LE VIDEONEWS


Follow Casertasette on Twitter

TV LIBERE: GIORNALISTI DI CASERTA A MATRIX


Il Blog di Prospero Cecere


UFFICI STAMPA TOP TEN A CASERTA (New Entry)

  
  Collabora con Noi
  Per Aziende ed Enti
  La tua vicenda qui
  Archivio Giornali
  Gerenza
  Servizi Emittenti Tv
  Spot & Doppiaggi
  Archivio Servizi Tg
  I tuoi ricordi in Dvd
  Musica-Party-Sfilate
  www.sannioturismo.com



  Archivio news
  Argomenti
  Cerca nel sito
  Invia una news
  Lista iscritti
  Messaggi privati
  News
  Recommend_Plus
  Sondaggi
CASERTA, CARO ESTINTO. L'INFERMIERE AL GIP:' ERANO REGALI'


SANTA MARIA CAPUA VETERE (Caserta) – (dal Corriere del Mezzogiorno - Mercoledi 28 Genaio2009) - C’è chi ha preferito avvalersi della facoltà di non rispondere e chi invece, ieri, ha chiarito punto per punto tutti i passaggi dell’accusa alla seconda giornata di interrogatori dell’inchiesta sulle mazzette all’obitorio dell’ospedale di Caserta denominata «Thanatos», sfociata due giorni fa in 22 arresti. Tra questi, Edoardo Scalera, uno dei titolari dell’impresa funebre Last Travel che, assistito dall’avvocato Gennaro Iannotti, ha spiegato i passaggi contestatigli dal gip Antonio Baldassarre. Hanno preferito invece avvalersi della facoltà di non rispondere Domenico e Giovanni Scalera e l’amministratore della società Pasquale Sagliano. Sempre ieri, hanno sostenuto l’interrogatorio anche gli infermieri Antonio Cammarota e Domenico De Marco (difesi dagli avvocati Nadia De Marco e Giovanni Pastore) e un dipendente della Last Travel, Giuseppe Parillo. Cammarota, peraltro da agosto scorso nel reparto autoparco, avrebbe spiegato che gli unici compensi ricevuti sarebbero state regalìe spontanee, mai ottenute con minacce. Intanto, dall’inchiesta emergono altri retroscena: Carmine Lisi, primario di Medicina Legale di Caserta (a piede libero nell'inchiesta per abuso d’ufficio) avrebbe favorito la presenza di un ex impiegato dell'obitorio nell'Istituto di Medicina Legale dell'Ospedale di Caserta (impiegato in pensione divenuto poi collaboratore della Last Travel) in quanto in stretti rapporti di conoscenza con l'amministratore della Last Travel Pasquale Sagliano. Entrambi, lo rileva e lo evidenzia il Procura sammaritana nel capo d’accusa, sono infatti soci della Banca di Credito Cooperativo «San Vincenzo de' Paoli di Casagiove». Intanto si attende la decisione del gip sulla scarcerazione dell'imprenditrice sammaritana Matilde Vecchione titolare-socia della Imprese Funebri Internazionali di Santa Maria Capua Vetere, nonché componente di giunta della Feniof (Federazione Nazionale Imprese Onoranze Funebri) con sede a Bologna oltre che vicepresidente della Acitof (Associazione Campana Imprese Trasporti Onoranze Funebri).

 
· Inoltre Cronaca
· News di redazione


Articolo più letto relativo a Cronaca:
CASERTA, CUOCO UCCISO A TEANO: ESEGUITA AUTOPSIA

Punteggio medio: 2.5
Voti: 2


Ti prego, aspetta un secondo e vota per questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Normale
Cattivo



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

www.casertasette.it